Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Oro, che tipo di Oro ?

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

bullet

Oro nativo

 

 

Nella foto, un campione trovato al liv. 2 di Chamousira, collezione Zappetta Gialla.  

 

L'oro nativo, molto più abbondante dei minerali d'oro, alimenta ben il 90% della produzione mondiale. Allo stato puro è di color giallo marcato, ma più pallido se contiene dell'argento. Il contenuto d'oro dei giacimenti auriferi è di pochi grammi per tonnellata di materiale lavorato e per i cercatori d'oro amatoriali è quindi assai difficile individuarlo, ma a volte si aggrega in masserelle che una volta individuate ripagano di tutta la ricerca. Il suo simbolo è AU, numero atomico 79, peso atomico 196,96, punto di fusione 1063° C. Per leggere altre sue proprietà e caratteristiche fisiche, vedi nella seconda parte della relazione di Sutherland.

Si intende dunque per "nativo" quell' Oro distribuito semplicemente nei filoni di quarzo. In Italia lo si trova in pochissime miniere: ben nota agli appassionati è quella di Brusson, in Val d'Ayas (Ao). Questo tipo di mineralizzazione interessa particolarmente i cercatori "amatoriali" perché si ha in questa occasione la possibilità di trovare delle cose significativamente estetiche e gratificanti. Per farla breve, ci si potrebbe cimentare anche con la pirite aurifera ma certo non si avrebbe la possibilità di estrarre dalla roccia quanto sopra. L'oro nativo può essere grosso, piccolissimo, dendritico, associato ad altri minerali, cristallizzato, lamellare etc. ed anche il suo colore può variare un pochino. A proposito del tipo "lamellare", se non vado errato, in questo Sito viene segnalato solamente in due località italiane e cioé in Val del Goglio (Lombardia) e a Bochey (Val d'Aosta). Anche la vicina Svizzera ha però la sua da dire in merito.

Per quanto riguarda le dimensioni del "trovabile", la cosa può variare a seconda dalle caratteristiche dell'area geologica interessata; negli approfondimenti a lato pagina c'è una scheda che accenna.

 

 
bulletOro nei solfuri

Si tratta quasi sempre di "Pirite aurifera": quest'ultima, dopo il dovuto trattamento mette a portata di mano l'oro che contiene (perlopiù in polvere). Le miniere interessate a questo tipo di giacitura contengono spesso delle zone di arricchimento (tratti dove il minerale cercato è più presente) le quali, nel caso di filoni verticali, sono dette "a colonna" perché diffuse verticalmente nell' ambito della montagna. A livello amatoriale, nel caso si conoscano quali i suddetti posti, 

oro estratto da pirite aurifera

ci si può recare in loco, cercare chiazze di pirite alterata e "marcita" dal tempo e raccogliere quindi il terriccio in corrispondenza sul pavimento per poi lavarlo fuori ( o addirittura dentro se si dispone di acqua ) in un posto a scelta: se ne otterrà probabilmente una modesta campionatura: la fialetta della foto contiene oro ricavato proprio in questo modo dal giacimento di Bechaz, in Val d'Ayas (Ao). Per questo tipo di ricerca, inoltre, i cosiddetti "Brucioni" sono dei luoghi particolarmente indicati alla scopo e consentono di restare all'aperto. Vedi anche Cassiterite.

 
bullet

Oro alluvionale

Il tutto proviene dalla remota epoca delle glaciazioni e c'e nel Sito una scheda specifica che descrive per benino la faccenda. A grandi linee penso si possa dire che i ghiacciai che ricoprivano le nostre vallate montane, spaccandosi e rotolando piano piano all' alzarsi generale della temperatura, si portarono appresso tutto quanto trovarono sul cammino, oro compreso il quale si "spiaccicò" durante il travagliato percorso in mezzo al ghiaccio. Non fu l'acqua a deformarlo e pressarlo: semmai questa, spostandolo ulteriormente ed in un periodo susseguente, lo ripulì da altri agenti, lo assottigliò ulteriormente e lo lucidò fino a renderlo più giallo, come ben possono vedere i cercatori d' oro quando lo raccolgono adesso sul Ticino, Elvo etc.. sottoforma di minute "scagliette" sottilissime. Da ciò si potrebbe dedurre (interessante osservazione di un mio amico) che quando dette scagliette sono insolitamente "brunite" e non perfettamente levigate, proverrebbero sì da smottamenti glaciali, ma non avrebbero ancora subito il travaglio dell'acqua per cui arriverebbero forse da terreni assai vicini, nel senso che quasi nullo sarebbe stato il percorso da esse fatto nel torrente. 

Una nota del tutto indicativa sul suo peso: a parità di diametro, per impercettibili variazioni di spessore il peso delle singole scaglie varia moltissimo; un elemento di un millimetro ad es. può pesare da 1 a 5 milligrammi e raggiungere o superare i 10 mg se assume forma arrotondata. Naturalmente aumentando lo spessore varierà in misura proporzionale e significativa anche il peso.

NOTA BENE. L'oro che si trova nei corsi d'acqua non è sempre d'origine alluvionale, anzi nei pressi dei rilievi alpini o comunque sulle montagne questo di norma non sussiste e presenziano invece (se ci sono in zona filoni di quarzo auriferi) tracce d'oro nativo in forma di pagliuzze ecc, per cui in questo secondo caso anche i sistemi per cercalo cambiano (vedi a lato approf. "nella batea").

 

 

 
 

 

 
 
bullet

Oro Eluviale

 

 

Come è noto le rocce sino soggette all'azione disgregatrice degli agenti atmosferici, che smantellano a lungo andare le montagne, ed i detriti vengono trascinati sempre più a valle dai corsi d'acqua, fino a riempire mari e oceani; l'oro è un minerale praticamente inalterabile e con altissimo peso specifico, quindi, mentre altri minerali e rocce vengono disciolti e trascinati a valle, esso viene liberato dalla matrice rocciosa e resta sul posto concentrandosi sempre più. Di conseguenza, nel giro di qualche centinaio d'anni vengono a formarsi, nelle immediate vicinanze dei giacimenti primari che di oro potevano anche contenerne pochissimo, piccoli depositi eluviali costituiti da terra e roccia molto alterati, solitamente di colore rossastro per la presenza di idrossidi di ferro, con granellini sciolti o masserelle di oro nativo. Situati in zone montagnose, i giacimenti eluviali non assumono mai grosse dimensioni, ma hanno spesso consentito interessanti ritrovamenti d'oro, come ad esempio ad Emarese, località in cui vennero raccolti circa dieci chili del nobile metallo.

 

 

 

 

 

bullet

Oro Epitermale

 

 

l'Oro Epitermale, sostanzialmente invisibile a vista e la cui estrazione è quindi possibile solo a livello industriale, è stato riconosciuto per la prima volta negli anni '60 a Carlin, in Nevada, nel mentre che si stava sfruttando un arricchimento superficiale (brucione) con oro visibile e solfuri vari. Dopo quella scoperta (e grazie ad essa) vennero individuati in diverse parti del mondo altri numerosi  giacimenti simili; si tratta di disseminazioni microscopiche e submicroscopiche di oro nativo, libero o incluso nei solfuri, che possono costituire depositi con tenori variabili dai 3 ai 20 gr. per tonnellata e sono interessanti perché, trovandosi per loro natura solitamente in superficie, possono essere sfruttati con lavori a cielo aperto ed in tempi brevi. La situazione geologica dell' Italia, ad es. Toscana e Sardegna, dispone di condizioni particolarmente favorevoli a codesta giacitura.

 

 

Se vuoi guarda le schede

che insegnano a cercare oro.

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Nativo sue giaciture
Nativo con altri minerali
Nella Batea
Artigianato orafo

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.