Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Svizzera oro

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Alcuni appunti disimpegnati sulla situazione aurifera nel Mondo.

 

1. Nel torrente Magliassina (Canton Ticino), verso la metà del 1800 vennero trovate, a distanza di una manciata d'anni l'una dall'altra, due grosse pepite che fecero riprendere in seria considerazione le potenziali risorse aurifere locali e diverse miniere di Astano e Sessa, oramai quasi dimenticate, tornarono quindi in frenetica attività, tant'è  che in quel periodo verranno registrate ed ufficializzate una cinquantina di miniere per oro e argento riguardanti quell'area. Durante questa ripresa mineraria, il filone Astano ad es. risultò avere in alcuni suoi posti ( in località detta "dei tirolesi" ecc.) uno tenore aurifero di 30gr. x tonnellata , valore già "strepitoso" e che raddoppiava ulteriormente nel contenuto dei solfuri del medesimo filone. Sempre in quel sito pare si trovasse poco meno di un etto e mezzo di argento per tonnellata di filone. Anche altre zone limitrofe si mostrarono assai meritevoli e vennero infatti scavate diverse gallerie o trincee sia presso il ponte di Astano (una località riconosciuta ricca anch'essa), sia nei territori di Costa e Bolle, ed altre località. Per il trattamento del minerale fu realizzato un enorme stabilimento  a Molinazzo di Monteggio, che oltre a trattare il materiale riguardante i posti sopraddetti,  ne accoglieva anche di proveniente dalla miniera di Besano (Lombardia) ed in un modo o nell'altro vi lavoravano diverse centinaia di persone; ma proprio nel mentre che si affacciava l'idea di migliorare ulteriormente le strutture industriali, la resa mineraria cominciò a diminuire ed il principale detentore dei giacimenti, il conte Baglioni, cedette il tutto ad altre società. Da qui in avanti queste miniere attraverseranno un breve intervallo di tempo in cui vi si avvicenderanno a turno diversi proprietari carichi di speranze, addirittura un ritorno dello stesso conte Baglioni, ma questi restarono per così dire a bocca asciutta perché il momento florido non tornò sino agli anni '20 del secolo a seguire, periodo quest'ultimo in cui tale Jean Du Bois prepara una Tesi di Laurea sul giacimento, descrivendovi anche i risultati di nuove analisi effettuate da esperti in quel recente periodo. I dati che ne emergono sono promettenti perché, pur trattandosi di valori di gran lunga inferiori alle prospettive iniziali che ebbero queste miniere al loro albore, nel frattempo era stata affinata la redditizia tecnica della cianurazione.

 

Avvenne dunque la ripresa dei lavori; nelle vicinanze di Beredino si costruirono i laboratori necessari ad un primo trattamento del minerale che proseguiva poi in Belgio per la lavorazione finale dei concentrati ottenuti. Tutto procedeva con risultati più che soddisfacenti, ma quando iniziò la seconda guerra mondiale i rapporti logistici col Belgio non ebbero più luogo e s'interruppe così la catena industriale di funzionamento; infine, a guerra conclusa, il mutato valore dell'oro rese antieconomico lo sfruttamento del contesto.

 

NOTA BENE. Alla miniera di Sessa c'è ora una grata con un lucchetto (info del 2009 di El Loco) e per dsiporre delle le chiavi bisogna rivolgersi al Gruppo Speleologico Ticinese, credo presso la sezione di Lugano. Inoltre, attenzione che

l'ingresso è franato, ma si riesce a procedere ugualmente strisciando. Su quattro dei suoi livelli, di cui tre completamente allagati, ci sono molti solfuri.

Per altri brevi appunti sulle miniere Astano / Sessa vedi a lato Museo del Malcantone.

 

 

Per altre informazioni sull'oro del Canton Ticino

vedere negli approfondimenti a lato pagina.

2.  Un altra interessante zona aurifera della Svizzera è situata nei pressi di Filsberg, nel Cantone dei Grigioni (circa 105 Km. da Zurigo e 170 Km da Como). Qui sono state lavorate infatti  almeno sei miniere d'Oro, tra le quali la "Goldene Sonne" (Sole d'Oro): documentazioni al merito parlano di scavi  risalenti addirittura al 1500. Il giacimento consiste in vene di quarzo sottili (da 10 a 20 cm) contenenti Calcite e Oro Nativo in foglie (lamellare ?) e masse dentritiche. Queste miniere furono sfruttate sostanzialmente a intermittenza, ma recentemente non dettero più alcun profitto. Ciononostante, alcuni campioni di Oro Nativo su matrice quarzosa trovarono la loro via per collezioni private famose: inutile ricordare infatti che  l'oro nativo, al di là delle sue dimensioni variabili da una località all'altra è sempre molto considerato nell'ambito collezionistico perché costituisce il minerale nella sua condizione originaria, cioé ancora attaccato alla roccia madre; per non parlare poi di quando questo "si prende il lusso" di presentarsi con strutture dentritiche se non addirittura lamellari. A proposito di oro lamellare, in Italia è rarissimo, mi sembra sia stato segnalato solo in un paio di posti, cioè a Bochey (Val d'Ayas) ed in Val del Goglio.

 

3. Il corrispondente del Sito, El Loco, ci segnala inoltre che a Garaverio, ora comune di Lugano, si trova una vena di piombo argentifero (galena?) mai sfruttata. Questa è localizzata 100 metri fuori dal paese, sulla sinistra, sopra un riale quasi sempre in secca.

 

4.  I cosiddetti Cumuli di Ciottoli, testimonianza di antichi lavaggi auriferi, oltre che in Italia sono presenti anche nell'attiguo Canton Ticino della Svizzera: per dettagli al merito c'è in rete questa pagina.

 

Per chi in Svizzera avesse bisogno di comprare l'attrezzatura per cercare oro, veda ad esempio la nota su di un negozio riportata in quest'altra mia pagina.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Oro del Canton Ticino
Mappa Astano Sessa
Museo del Malcantone
Gondo miniera e museo

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.