Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Nella Batea

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Quando i Cercatori d'Oro alluvionale si cimentano nei fiumi  e torrenti italiani con Batea ed attrezzatura varia, i ritrovamenti che ne conseguono sono solitamente caratterizzati dalle classiche "scagliette o scheggette", così chiamate in gergo dagli stessi cercatori per via della forma che ha infatti il metallo in tale contesto. Si tratta in pratica di frammenti d'oro che, pressati e trasportati a suo tempo dalla massa dei ghiacciai in fase di mutazione e rotolamento durante l'adeguata epoca glaciale, si risolsero appunto infine in piatti, spiaccicati "coriandoli" distribuiti nell'area che oggi conosciamo.

Alcuni fattori hanno però fatto sì che detti esemplari che noi ora troviamo  possano variare di quantità, dimensioni e struttura a seconda del luogo di ricerca, e questo è a mio modesto avviso un bene perché stimola i cercatori d'oro amatoriali a "capire" per meglio orientarsi nell'attività; l'immagine sulla sinistra mostra ad es. una scaglietta del fiume Adda fortemente ingrandita. 

Per quanto riguarda i depositi alluvionali ci sono dunque sostanzialmente posti in cui le scagliette sono più grosse o più spesse e, al contrario, aree con oro magari più diffuso quantitativamente, ma minuto nelle sue singole dimensioni; questo dipende in linea di massima dall'entità di percorso (quindi travagli) che il metallo fece nell'era geologica sopraccennata prima di ridepositarsi nel nuovo habitat.

Orientando invece l'attività nei confronti di alcuni torrenti della Val d'Orba, si avrà la seducente opportunità di trovare piccole ma vere e proprie pepitine (non di rado ancora attaccate alla matrice come nel caso qui a lato, perchè questo distretto aurifero, oltre ad esser interessato dal deposito alluvionale, dispone anche di vari torrentelli contenenti tracce di oro nativo proveniente da filoni auriferi poco distanti; è importante ricordare la fondamentale differenza tra le due giaciture, nel senso che il metallo proveniente da questi giacimenti primari ha in questo secondo caso fatto pochissima strada, quindi lo si trova ancora omogeneamente più o meno "corpulento" in entrambe le direzioni, larghezza, lunghezza e spessore, da cui la caratteristica forma (come in questa miniatura a sin.) di oro semplicemente levigato dagli agenti e che per definizione non rappresenta più una scaglietta d'oro alluvionale, bensì una pagliuzza, granulo o addirittura pepita (piccola o grossa che sia), che come già detto hanno una fondamentale differenza rispetto alle scagliette di cui sopra e questo è descritto esaurientemente qui a lato in "Oro acque chiarimenti". Da notare che se trovassimo il medesimo oro ancora nel suo stato esattamente originario, cosa realizzabile solamente dove il metallo non avrebbe subito alcuno stress (quindi ancora sul filone aurifero, o tra materiale di discariche miniere o in torrentelli vicinissimi a questi), esso avrebbe allora il aspetto naturale, non ancora levigato e mostrandosi in quelle che vengono definite pagliuzze come nel caso qui a lato: ritrovamenti simili sono ad es. tipici frugando nel materiale di discarica della miniera d'oro di Brusson (localmente chiamata Ciamousira) in Valle d'Aosta, ove al tempo dei lavori evidentemente venne gettato, oltre allo scarto una pur minima (e tecnicamente comprensibile perché inevitabile) parte di "buono". Una curiosità: quando le pagliuzze distaccatesi per un qualsiasi motivo dalla matrice quarzifera non hanno più subìto particolari "rimaneggiamenti" dopo quell'evento, toccandole con le mani risultano da qualche parte quasi sempre pungenti perché laddove sono state strappate dal quarzo  si sono deformate e rese aguzze un po' come accadrebbe ad un pezzetto di pongo frazionato manualmente. (e questo ovviamente perché l'oro é un metallo assai duttile).

 

In sostanza:

   

Un campione fortemente ingrandito di oro alluvionale: è piatto, levigato, liscio e di solito sottilissimo.

Pepitine assai rare nei depositi alluvionali, ma non impossibili: ben levigate, di norma si sviluppano significativamente anche nello spessore.

Pagliuzza trovata in torrente alpino: come si nota, mostra ancora in parte le sue varie spigolature d'origine.

 

Qui sotto, alcune pagine contenenti foto di esemplari fortemente ingranditi per confrontarne le caratteristiche a seconda dei luoghi in cui  sono stati trovati:

1) Oro del torrente Orco2) Esempio di concentrato Batea (torrente Orco). 3) Pepita torrente alpino. 4) Elvo, le sue molte scagliette e (rarissime) pepite. 5) Chiaro esempio di oro alluv. piemontese. 6) Scagliette in generale, dettagli.

 

Infine, ma non certo per ordine d'importanza, una peculiarità: della Val d'Orba in generale si è già detto anche in questa pagina, ma in quanto a "particolarismi auriferi" una particolare menzione va sicuramente fatta al suo Rio Secco perché lì è possibile trovarvi (beninteso, con una certa dose di fortuna ...) pepitine dalla forma del tutto singolare che non è stata finora individuata in alcun altro andito del nostro Paese. In quella zona la natura si è infatti sbizzarrita forgiando elementi d'oro filiformi, allungati, o addirittura ad anello come da foto qui in bianco e nero.

 

Fialetta con pepitine del Congo: come potete vedere, anche trovandosi all'estero in località famose per la loro abbondanza del nobile metallo, non bisogna comunque dare per scontato che lì sia facile trovare cose enormi: anche lì, come al solito, dipende dai singoli posti scelti per la ricerca.

 

Ma quanto è puro?

L'oro che si trova in natura non è praticamente mai assolutamente puro, bensì combinato con piccole percentuali di minerali o altri metalli, tra i quali ultimi predominano sempre e simpatizzano volentieri il rame e l'argento; può anzi capitare (seppur cosa veramente rarissima, ma esistente) che contenga una quantità d'argento talmente elevata da non esser scientificamente considerato più tale per acquisire invece la definizione di Electrum e di questo ne abbiamo ad es. un caso in Scandinavia).

L'oro reperibile in miniera è di norma ulteriormente meno puro perché si trova ancora nelle sue condizioni originarie, mentre quello dei fiumi, dal canto suo, avendo subito vari travagli soprattutto per gli antichi tramestii avvenuti durante la formazione del deposito alluvionale post glaciale che fecero sì che dai filoni di cui sopra venne "trascinato" fino alle aree in cui noi oggi lo raccogliamo, proprio durante detto trasloco si liberò gradualmente e notevolmente dalle sostanze estranee sopraccennate risultando infine significativamente vicino alla purezza (pur non essendolo ancora del tutto), operazione tra l'altro ulteriormente rifinita un po' anche in tempi a noi più recenti nel corso di altri avvenimenti fisici quali il suo spostamento nel mentre che si formano le Punte o la semplice azione dell'acqua (idrolisi) cui è soggetto ecc.

A titolo indicativo e per fare un paio di esempi pratici, per quanto riguarda la situazione delle miniere o dei filoni sopraccennati, cioè di giacimenti primari, basta considerare ad esempio la miniera di Chamousira (situata in Val d'Ayas) ed i filoni che la interessano: portai personalmente ad analizzare una modica quantità di quell'oro e ne risultò  una "qualità" media che si aggira sui 750 millesimi, mentre quello alluvionale che cerchiamo sull'Elvo, Ticino ecc. risulta superiore ai 900 millesimi.

A questo punto (e a chi servisse) per capire appieno il contesto occorre chiarire un paio di concetti tecnici, cioè che la purezza dell'oro si misura sia in Carati (24 carati significa oro puro) sia in millesimi (da cui 1000 millesimi significa anch'esso metallo assolutamente puro): è la stessa cosa, cambia solo l'unità di misura utilizzata. Definito questo e facendo via via le opportune proporzioni di calcolo, ne deriva ad es. che un qualsiasi campione, oggetto o gioiello d'oro a 18 carati corrisponde necessariamente a 750 millesimi, cioè tre quarti di oro con aggiunta di qualcos'altro e dico questo perché se noi guardiamo ad es. all'interno di una fede nuziale, quasi senz'altro vi troveremo riportata, piccolissima, la dicitura "750"; è questo infatti il classico formato di "taglio" che si dà all'oro lavorato, perché se invece si facessero anelli o collane con oro puro, al di là del dispendio eccessivo e superfluo sul quale si potrebbe pur discutere, l'oggetto ottenuto risulterebbe comunque troppo tenero, suscettibile a graffi e sotto pressione addirittura deformabile.

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.