Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Le miniere

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

 

La Nira è forse la miniera meno conosciuta della vallata.

 

Fotografia: la finestra della

"Nira".

 

 

Tramite l'elenco disposto a destra si possono consultare le schede sulle relative miniere. Se lo si preferisce, invece, tramite il tasto in basso è possibile vedere singolarmente i due fianchi della vallata ed in misura ancora più approfondita. Oltre ai "recenti" e principali giacimenti auriferi, la Val d'Ayas è disseminata di altri innumerevoli "buchi e buchetti" risalenti  al 1700.  Questi lavori "antichi", per la maggior parte coltivati per l' estrazione del Rame, sono spesso frammisti ad altri nei quali il minerale estratto era l' Oro. Visitando questi luoghi diventa oggigiorno talvolta difficile capire con assoluta certezza che cosa venisse cercato o trovato in tutti questi cantieri, per quanto in alcune di queste gallerie, aiutato da un pizzico di fortuna ho avuto conferma di ciò che ha autorevolmente descritto Giancarlo Stella nelle sue pubblicazioni o, risalendo ancora nel tempo (e di parecchio), da Nicolis de Robilant nei suoi "fondamentali" Saggi. Questi ultimi sono datati alla fine del 1700 e contengono preziosissime informazioni sull' argomento in questione, senza  le quali probabilmente tutta la storia mineraria  "antica" riguardante la Val d'Ayas sarebbe rimasta nel mistero o si sarebbe ridotta a semplici supposizioni. In alcune di queste gallerie (poche) é stato di recente trovato Oro nativo a livello amatoriale, mentre per quanto riguarda la maggior parte delle altre é tutto per lo più ancor da provare e verificare. E' superfluo far presente che pur essendo la loro localizzazione precisa e ben definita, le informazioni storiche che invece le dovrebbero descrivere  siano scarne e talvolta discutibili.

Inoltre, nei pochi testi nei quali vengono accennati questi sotterranei, essi sono spesso descritti con i nomi più disparati. per cui mi sono qui regolato cercando di usare i termini e nomenclature più utilizzati nei libri e, quando queste sono risultate "non proprio convincenti", ho dato allora con piacere la precedenza alla verbale  "tradizione locale" che in questo genere di cose é spesso custode di un reale patrimonio culturale che sarebbe altrimenti perso. In ogni caso, in fondo alla pagina sono disponibili anche delle denominazioni alternative. Bisogna infine tener conto che alcuni cantieri per così dire "recenti" costituiscono in realtà l'avanzamento e  sviluppo industriale di sotterranei che furono già stati iniziati anticamente, vedi ad esempio il primo tratto del Traversbancs Bechaz (galleria principale delle miniere di Bechaz).

   

 

 

 

I VERSANTI AURIFERI DELLA VAL D'AYAS ANALIZZATI SINGOLARMENTE

 

 

 

 

Qui a seguire invece, i nomi alternativi di alcune delle miniere già elencate a lato:

Terre d'AmontBorna d'OrenoEsperance, Gran Guata, miniera delle scalette

min. Brusson, fil. Fenilliaz, Speranza, Mine Pascual, min. Arbaz, fil s. Antonio

Zapp.G

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

nota introduttiva
strada e miniere
sentieri fianco Arbaz
Le miniere di Bechaz
Bechet
Bochey
Boret
Bouchaille
Chamousira
Vallone di Chasten
Ciaverina
Col de Joux
Comba Toppa
Crestelle
Crete de Naie
i 3 Filoni Innominati
Gaebianche
Goia de Pauline
Grande Guillate
Nira
Orbeillaz
Rebaisse Tabacco
La Sache
Testa Comagne
Trivera
Vallone scorticato
Via Bechaz
Miniera di Villa

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.