Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

disposizione dell'oro

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Pagina della sezione Ovadese oro nei fiumi.  Vedi le miniere di questo distretto
 
 

Che i fiumi, terreni, rocce dell'ovadese (e zone limitrofe) siano marcatamente auriferi è cosa risaputa dall'antichità, ma quello che forse è un po' meno noto ai cercatori amatoriali di oggi è il fatto che si tratta di un distretto minerario che occasionalmente offre anche particolari ed interessantissime giaciture di depositi primari e secondari (vedi ad es. le miniere del Gorzente o l'oro del Rio Secco). Per quanto riguarda le sue quantità aurifere e riferendoci in questo caso all'oro "da fiume", che è l'argomento trattato in questa sezione, queste variano nettamente di torrente in torrente, anzi di territorio in territorio (area) pur rimanendo sullo stesso corso d'acqua; sono inoltre innumerevoli i possibili anditi di ricerca perché lungo le vallate ed i rilievi locali, oltre ai torrenti più vistosi scorrono vari ruscelli, anche piccolissimi, che sono potenzialmente auriferi.

L'oro ovadese, inteso nella sua varia distribuzione nei terreni (quindi senza riferirsi alle punte dei fiumi in cui, essendo numericamente più concentrato, può mostrarsi anche con campioni di dimensioni più ragguardevoli) si presenta solitamente in sottili scagliette d'un bel colore giallo che difficilmente superano il millimetro di diametro, ma non mancano eccezioni, soprattutto nelle regioni interessate dal Piota, dal Gorzente e anche dal fiume Orba. A proposito di quest'ultimo, particolarmente valida è la sua zona vicina e susseguente a dove gli affluisce il Piota, cosa d'altronde anche dimostrata  dalle due relazioni di gita svoltesi a  Silvano e Capriata.

Quelle che seguono sono alcune note in generale su come l'oro sia sostanzialmente distribuito nell'ambito della Val d'Orba e sue vallate contigue, quali ad es. la Val di Stura, di Lemme, del Piota eccetera.

Iniziando dall' Orba, di cui abbiamo già parlato, si può aggiungere che percorrendone geograficamente il corso a partire dalle sue sorgenti, sia il torrente sia lo specifico avvallamento che lo contiene diventano auriferi solamente da Ovada in poi, cioè in tutto l'ampio tratto che intercorre da questa cittadina sino alla confluenza col Bormida; particolarmente valido, anche per le dimensioni del trovabile, il suo tratto da Ovada fino a Silvano d'Orba, mentre proseguendo più a valle ed avvicinandosi quindi al Bormida, pur essendoci ancora diventa via via sempre più piccolino. Lo Stura invece si mostra interessante nella zona compresa tra Gnocchetto ed Ovada: beninteso, possono pur sempre accadere eccezioni o "nuove scoperte", ma in sostanza questo è quanto risulterebbe finora. Nella bassa piana del torrente Piota possono aversi tenori superiori al grammo per metro cubo di sedimento generico e da questo è facile dedurre che, cercando sul fiume una "punta" adeguata (dove cioè il materiale pesante si sia concentrato) si possono trovare quantitativi più che meritevoli: da notare ad esempio che tra Silvano d'orba e Capriata sono state trovate grosse scaglie d'oro ripiegate più volte su se stesse e che se fosse possibile "riaprirle", raggiungerebbero i loro originari cinque e più centimetri di lunghezza...

Avendo prima accennato al Piota, mi viene in mente un discorso che ritengo sia fondamentale per ottenere una panoramica chiara di cosa si possa riuscire a trovare in quello ed altri corsi d'acqua locali. Intendo dire che non bisogna dimenticarsi della presenza "nutritiva" dei vari filoni auriferi situati a monte di questi torrenti: detti filoni, in ere geologiche passate arricchirono i cosiddetti terrazzi alluvionali che si formarono un bel po' più a valle per ri-deposito di tutto il materiale asportato in epoca glaciale. Questo, come già sappiamo è in sostanza il motivo per cui sussiste l'oro alluvionale, ed al tempo stesso spiega anche perché detta tipologia di oro (scagliette) non presenzi risalendo pepitina del piota con oro frammisto a quarzo PROPRIETA' ANDREA MATHIS eccessivamente i fiumi; in cambio però, nel caso di diversi torrenti ovadesi (ed il Piota la sa lunga al merito, vedi foto a lato) viene fuori la possibilità di trovare pagliuzze, granuli d'oro nativo liberi o ancora uniti al quarzo. Questo naturalmente risalendo i corsi d'acqua e avvicinandosi dunque alla "fonte mineraria", la quale può consistere non necessariamente in una miniera già nota e sfruttata, ma anche in filoni auriferi affioranti conosciuti o meno: capita addirittura, e non di rado, che alcuni di questi  attraversino i fiumi stessi ed abbiano così, nel tempo, liberato parte di quel che contenevano.

Optando per questo tipo di ricerca, a seconda dei posti è probabile che convenga allora abbandonare del tutto le metodologie solitamente in uso per trovare l'oro alluvionale e piuttosto comportarsi invece conformemente a come descritto in altro paragrafo del sito( vedi oro nativo nei torrentelli).

 

Vedi se vuoi la sezione miniere di questo distretto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Situazione dettagliata

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.