Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Un ottimo approccio

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 
 

Pagina a cura di Pollicino.

 
 

NOTE DI: 1)Dopo aver chiesto e ricevuto il gentile consenso da parte di Pollicino, ho qui inserito buona parte del testo di una lunga e colta mail che mi ha inviato ed i cui contenuti ritengo siano particolarmente validi e significativi perché si tratta di righe che descrivono assai bene il giusto spirito e la corretta forma di approccio che ognuno di noi dovrebbe razionalmente avere il giorno che decide d'avvicinarsi a questo hobby.

 
           

"...finalmente dopo un'estate di viaggi e spadellate le scrivo.
Tutto è partito proprio da una consultazione casuale del suo sito, dopo che un amico mi aveva parlato della miniera di Furtei. Incuriosito dalla faccenda dell'oro italiano ho fatto una piccola ricerca e patatrack. Devo dire, una febbre, quella dell'oro, molto più bella e interessante di questa famigerata influenza suina che sta per arrivare...
Verso l'inzio dell'estate e nei mesi passati ho visitato molti posti e fatto un po' di esperienze. Le informazioni di base per l'attrezzatura e le località le ho ricavate ovviamente dalle sue pagine web e da qualche filmato su you tube, io ci ho messo un po' di tempo e soprattutto tanto, tanto sudore. Caspita che sudate!
L'incontro con qualche maestro sul fiume ha completato l'apprendistato.
Considerando il fatto che per motivi di lavoro mi trovo a viaggiare in tutta Italia, tra viaggi vari e vacanze ho provato a vedere se saltava fuori qualche pagliuzza. I primi tentativi in Calabria e in Toscana sono stati assolutamente infruttuosi, nemmeno una traccia, ed evidentemente non erano i posti adatti per cominciare nota1. Solo quando ho visto i primi bagliori in fondo a una batea che avevo acquistato su internet nota2 ho capito di cosa stavamo parlando. Ero sull'Adda, un pomeriggio, praticamente dietro casa!

La cosa mi ha lasciato scioccato perché ho trascorso buona parte dei miei anni sui ghiaieti di quel fiume, praticamente ci sono cresciuto andandoci a pesca. Ebbene, in tutto questo tempo non avevo mai visto nessuno cercare l'oro sulle rive. C'è persino una via intitolata al Cavaloro nella parte vecchia della città vicino al fiume e sapevo, da discorsi tra conoscenti, che in antichità c'era gente che setacciava le sabbie e  raccoglieva un po' d'oro, senza arricchirsi e 
conducendo un'umile esistenza.

Ma vedere quei puntini inconfondibili che restavano come incollati al fondo del piatto era un'altra cosa. Rendeva evidente qualcosa che non avevo mai messo a fuoco. In pratica ci avevo camminato sopra tutto quel tempo senza vederlo!

Free clip arts Magnifying Glass Cs La lente d'ingrandimento mi ha dato la conferma e mi ha aperto un mondo. Lo so che è l'Adda è parco e la raccolta vietata, ma qualche volta ci sono tornato lo stesso e ho spadellato un po' di polvere, una quantità risibile. Anche perché poi su questa faccenda dei parchi agricoli ci sarebbe molto da dire. Parchi che non proteggono i fiumi e anzi permettono distruzioni pazzesche. Ma questa è un'altra faccenda. Così, ringalluzzito dalle prime piccole particelle d'oro finite in bella mostra in una bottiglietta ho cominciato a visitare altri fiumi, il Ticino, l'Orco, l'Elvo, il Piota e il Gorzente, l'Orba e altri nota3. Obiettivo: raccogliere oro per realizzare un bell'anello nota4. Ho conosciuto anche qualche altro cercatore su questi fiumi, tra cui una simpatica combriccola sull'Elvo, con cui ora ogni tanto organizzo un'uscita e talvolta ho trovato tracce di scavi in alcuni itinerari proposti sul sito, segno che i posti erano ancora validi.

Quello che non capivo all'inizio, era il perché Zappetta Gialla mettesse online tutte quelle informazioni, quegli itinerari pronti quasi a dire -ecco a voi, prendete e saziatevi... Poi, con il sudore che è scorso a fiumi (ho una canaletta solo da pochissimo tempo, in pratica ho spadellato tonnellate di materiali a braccio...) la cosa è diventata piuttosto evidente: di oro ce n'è in giro, e ce n'è per tutti, ma è solo un passatempo. La cosa più importante forse è proprio 
il piacere di condividere una passione per quello che sui fiumi o tra le montagne si può trovare, che non è solo oro.
Poi, in occasione dei mondiali a Biella ho fatto un salto a trovare gli amici cercatori, ho visto qualche gara e parlato con qualche cercatore d'oltralpe. La faccenda delle competizioni non mi prende proprio, preferisco il fiume, ma l'evento in generale, con tutta quella gente che veniva da ogni dove, è stato molto simpatico.
Quindi eccomi qua, con la mia bottiglietta che contiene ormai cinque grammi di polvere aurea, scagliette, grani, scagliuzze, scagliettone. Devo spostarne ancora di pietre e spadellarne di sabbie prima di mettere da parte una quantità sufficiente per realizzare il mio anello, che fonderò grazie a un amico gioielliere, ma non ho nessuna fretta. E' stato divertente e lo sarà ancora.
La saluto e magari le scriverò ancora per aggiornarla su qualche fatto 
interessante o qualche piccola avventura..."

                                                                               Pollicino.

 
 

 

E L'AGGIORNAMENTO ARRIVO' !!!

 
 

Quelli che seguono sono invece gli appunti riguardanti le note sopra evidenziate: nota 1. L'osservazione di Pollicino è giusta: si tratta infatti di località che seppur vi sia stata accertata la presenza di oro, sono geograficamente situate al di fuori dal classico deposito di oro alluvionale italiano, per cui occorre agirvi con una certa pratica già acquisita ed in ogni caso considerando sempre che si tratta di ricerche alternative e difficili (fortuna a parte perché questa come si suol dire è cieca). Personalmente ho inserito detti posti nel sito per due motivi: il primo e fondamentale é dato dal fatto che, come già detto, l'oro vi è stato comunque trovato e quindi sussiste, mentre il secondo è semplicemente per aiutare i possibili cercatori di quelle aree, visto che questi non possono certo partire apposta la domenica per cercare oro sull'Orco o Elvo che sia..

nota2. Vedi se vuoi una pagina sull' acquisto del materiale (anche via internet).

 

nota3. "Succulento" elenco dei fiumi più ricchi d'Italia: vedi l'intera lista.

 

nota4. E' un'idea che condivido senza difficoltà, anche perché anch'io un giorno mi feci fare una collana allo stesso modo. Ponendoci insomma un obiettivo stimolante e fruttifero, le ricerche avranno una sana e razionale motivazione; inoltre (e non meno importante), il giorno che la passione per questo hobby "ci dovesse abbandonare" ci rimarrà comunque in mano anche un prodotto vero e proprio del nostro operato. Per eventuali interessati posso dire che solitamente occorre proporre la cosa a più di un orafo (alcuni non ne vogliono sapere ed altri invece acconsentono pur utilizzando poi per la fusione, in realtà, l'oro pronto di caratura di cui già dispongono in laboratorio.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.