Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

I filoni auriferi

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Qui sei nelle pagine che ho realizzato, estrapolando e riordinando secondo le esigenze del sito, buona parte delle argomentazioni mineralogiche e minerarie trattate in una pregevole tesi di Laurea sull'alta Val Sesia. (vai a inizio Tesi)

 

   

Dalla tesi di Laurea di Alessio Rimoldi, su suo gentile consenso e che ringrazio per la preziosa collaborazione al Sito.

 
   

                                                                                      

 

 

Filoni auriferi dell'Unità del Monte Rosa.

 

Origine dei Giacimenti Auriferi.

L’oro è un metallo tenero, duttile e malleabile, di colore giallo, che solo molto raramente forma dei minerali legandosi con altri elementi per mezzo di reazioni chimiche, ed è per questo che è considerato un “metallo nobile”. L’oro che non è associato ad altri minerali prende il nome di “Oro nativo”: esso può costituire cristalli microscopici o visibili, sotto forma di pagliuzze, grani, o addirittura pepite, se di dimensioni maggiori. L’oro nativo si distingue visivamente dall’oro associato ad altri minerali (es. pirite, nel quale è comunque di norma invisibile ad occhio nudo), perché non luccica, è leggermente opaco e a volte rossastro in base alle impurità di Rame; le impurità d’Argento lo rendono invece più luccicante, ma non come la pirite che ha la proprietà di riflettere a “specchio”. L'oro è diffuso all’interno della crosta terrestre in quantità molto modeste e nella maggior parte dei casi non è visibile a occhio nudo. In alcune aree invece, in seguito a dei processi geo-chimici si accumula raggiungendo quantità considerevoli e formando quindi dei giacimenti minerari auriferi. Nelle Alpi Occidentali i geologi hanno denominato l'area che si sviluppa dal Gran Paradiso al Canton Ticino come "Provincia Aurifera delle Alpi Occidentali". Ne fanno parte alcune zone, denominate distretti, le cui rocce sono particolarmente ricche in oro. I territori compresi nel versante meridionale ed orientale del Monte Rosa rappresentano il distretto principale dell'intera "Provincia Aurifera".

I giacimenti auriferi compresi nell' Unità del Monte Rosa hanno origine idrotermale: i processi geochimici che hanno portato alla loro formazione risalgono a circa 40 Ma fa. Allora le Alpi Occidentali, che si erano da poco formate, furono interessate da un'anomalia termica proveniente dall'interno della crosta terrestre. L'anomalia termica fece aumentare la temperatura e conseguentemente anche la pressione a cui furono soggette le rocce. Il picco di temperatura si ebbe intorno ai 38 Ma fa, quando si ebbero tra i 530° C e i 605°C; in queste condizioni alcuni minerali si dissociarono formando una soluzione fluida; all’interno di questa si mobilitarono alcuni elementi; il processo non fu casuale e solo determinati minerali e metalli, tra cui l'oro, entrarono selettivamente a far parte della soluzione liquida. Il fluido originario era costituito da una soluzione leggermente salina, contenente C02 e altri elementi volatili come il metano (CH4). In profondità, nella crosta terrestre si formarono delle microscopiche "gocce" distribuite all'interno delle rocce dell'Unità del Monte Rosa. Le gocce si fecero sempre più frequenti e si congiunsero tra loro. Più in superficie, l’Unità del Monte Rosa presentava delle fratture microscopiche che si facevano più frequenti avvicinandosi alla superficie terrestre. Queste fratture derivanti dai processi di formazione delle Alpi, furono il mezzo col quale il fluido risalì lungo l’Unità del Monte Rosa e si formarono i filoni. Nelle rocce a scistosità accentuata, il fluido risalì attraverso gli stessi piani di scistosità formando i cosiddetti filoni strato.

 

Descrizione (costituzione) dei filoni auriferi.

Un filone, o dicco, è un giacimento di forma lenticolare allungata, ossia col massimo sviluppo in due sole direzioni (lunghezza e larghezza), con uno spessore (potenza) poco sviluppato. Il filone quindi rappresenta il riempimento totale o parziale di una fessura della crosta terrestre ed è contenuto entro la “roccia incassante” che in questo caso è rappresentata dall'Unità del Monte Rosa (Gneiss Occhiadini e Micascisti).

 

 

A Carcoforo, in loc. Badile, sono ad oggi presenti cinque imbocchi di gallerie, di cui tre, ben visibili dal sentiero, si sviluppano sulla sinistra orografica del Rio Badile susseguendosi in direzione NE-SO come i piani di scistosità della roccia incassante; il filone interessato dalle miniere del Badile è quindi un filone strato.

Fra il filone e la roccia incassante si interpongono degli strati (composti da materiale per lo più argilloso e alterato) chiamati "salbande". La roccia incassante che sta al di sopra del filone si chiama "tetto" , quella che sta al di sotto si chiama "muro o letto".

Nei filoni, la temperatura e la pressione in diminuzione rispetto alle zone più in profondità, fecero sì che il fluido si raffreddasse e che avvenne una nuova ricristallizzazione durante la quale si formarono dei nuovi minerali.

Il filone è composto da minerali non metallici e viene definito ganga rispetto ai minerali metallici che può contenere. Sul Monte Rosa la ganga è costituita prevalentemente da quarzo accompagnato da carbonati.

Il quarzo appare con tessitura e colore diversi: la tessitura massiccia e compatta è omogenea, con frattura scheggiosa irregolare, il colore è generalmente bianco (quarzo latteo). La tessitura zonata è data dall’alternanza di bande centimetriche grigie, verdastre o bluastre, di aspetto spugnoso e/o cariato con i livelli più sottili lattei e traslucidi (quarzo saccaroide). La distribuzione dei minerali metallici nella ganga quarzoso-carbonatica dei corpi mineralizzati è irregolare e disomogenea. Si alternano porzioni sterili a porzioni molto ricche (anche 20-30% della massa totale) e anche in queste ultime la concentrazione maggiore è in prossimità delle salbande, dove i solfuri (principalmente pirite- FeS) si concentrano. Il quarzo che si trova associato ai solfuri ha tessitura zonata. L’Oro, il cui tenore è assai variabile (da frazioni di grammo a decine di grammi per tonnellata), nei filoni del Monte Rosa è associato essenzialmente alla pirite, in minor misura ad arsenopirite, galena, calcopirite ed in questo distretto minerario è sempre accompagnato ed associato ad altri metalli come l’Argento (Ag) e il Rame (Cu).

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Le miniere del Badile

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.