Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Magnetite eliminarla

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

                                                           Pagina a cura di Giuseppe Rizzi

Eliminare magnetite da concentrato aurifero

Quando sul fiume laviamo con la canaletta o con piatti e batee le sabbie aurifere, lo scopo è quello di eliminare dal materiale che abbiamo prodotto con la setacciatura tutte le componenti con basso peso specifico: argilla, mica, quarzo. Proseguendo con queste operazioni di lavaggio ed eliminando progressivamente le componenti leggere, otterremo una sempre più alta “concentrazione” delle componenti pesanti, da qui il nome di “CONCENTRATO” a quel che si ottiene. A seconda del corso d’acqua dove si è lavorato, questi concentrati hanno composizione in percentuale diversa. In alcuni casi avremo maggiormente GRANATO (colore rosso - rosso arancio), in altri corsi d’acqua è la MAGNETITE presente in maggiore quantità e altre componenti pesanti sono comunque presenti in concentrazioni minori.

La magnetite è il minerale molto comune e diffuso su tutto il pianeta. Rappresenta il principale minerale accessorio delle rocce basaltiche ed è comune anche nelle rocce metamorfiche. Nei concentrati si presenta in granuli neri, nero grigiastri. Ha peso specifico: 5,1 – 5,2. La magnetite ha un alto tenore di ferro (oltre il 60%) ed è il minerale con le più intense proprietà magnetiche e proprio per la sua caratteristica di poter essere attratta da un campo magnetico è la componente che più facilmente può essere eliminata da un concentrato perché si possa poi più facilmente e con meno materiale proseguire per recuperare le scagliette d’oro.
La magnetite a seconda dei fiumi o torrenti dove si è lavorato può assumere un aspetto leggermente diverso. Sul fiume Ticino la componente maggiore dei concentrati è rappresentata dai granati, ma di magnetite ce n’è pur sempre. Sulla parte alta del Ticino la magnetite si trova in forma di granuli neri lucenti, di misura sino a tre - cinque millimetri, poi, scendendo il corso del fiume, se ne trova di sempre più fine, da micro-granuli sino ad un polverino nero finissimo, come da foto. E’ in questa forma, quando in contemporanea l’oro è di piccolissime dimensioni, spesso di dimensioni micrometriche, che l’uso della calamita per estrarre la magnetite dal concentrato richiede una precisa metodica ad evitare che la massa della magnetite attratta dalla calamita inglobi una parte delle piccole scagliette d’oro.


 

Il metodo che sotto descrivo e che ho ampiamente sperimentato posso garantirvi dà ottimi risultati.

 


La calamita: in commercio non facilmente si trovano calamite adatte. Le più potenti al "neodimio" per questa operazione sono poco raccomandabili proprio in virtù della loro potenza di attrazione: il rischio è infatti che la magnetite venga “risucchiata” in massa trattenendo anche una parte non trascurabile di altre componenti del concentrato, comprese scagliette d’oro. Ritengo che le calamite rotonde che sono negli altoparlanti (dagli sfasciacarrozze se ne trovano in quantità e di varie misure) siano le più adatte all’uso.


Come usarla: Usare la calamita "a nudo" è sconsigliabile in quanto risulta poi operazione complicata staccare completamente la magnetite che ha attratto. Per rendere il "distacco" semplice, è sufficiente interporre tra la calamita e il concentrato uno strato che impedisca il contatto diretto, qualcosa che permetta, una volta raccolta la magnetite, di allontanare la calamita in modo che, non più trattenuta dal campo magnetico, la magnetite possa facilmente essere messa da parte.

Il sistema più semplice è quello di mettere la calamita in un sacchetto di plastica (non troppo sottile). Avvicinando il sacchetto al concentrato (1) che abbiamo nella batea, la magnetite verrà attratta e si attaccherà al sacchetto (2). A questo punto si rivolta il sacchetto e, allontanata la calamita, si potrà togliere la magnetite raccolta dal sacchetto (3) e posarla in un contenitore a parte, così che il sacchetto potrà di nuovo essere riutilizzato.

 

 

 

 

Inoltre. Un attrezzo decisamente più efficiente può essere acquistato nei siti internet, ma lo si può anche realizzare in proprio inserendo una calamita in un contenitore di plastica di diametro poco superiore a quello della calamita stessa. Come costruirselo è descritto negli approfondimenti qui a destra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Separatore magnetico

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.