Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Agogna

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Torrente Agogna, località Momo (NO)

 

Pagina a cura di Bogni Giorgio

 

 

 

IL suo percorso (da Wikipedia, qui territorialmente riassunto in breve).

Il torrente nasce dal gruppo montuoso del Mergozzolo, tra i laghi Maggiore e d'Orta, a sud della vetta del monte Mottarone nella zona compresa tra i laghi Maggiore e d'Orta vicino alla località Alpe Nuovo - villaggio di Cairo nella valle dell'Agogna.

Attraversa centralmente tutta la Provincia di Novara, da nord a sud, bagnando la città di Borgomanero e la periferia ovest del capoluogo; entrato in Lombardia, in Provincia di Pavia, attraversa la regione storica della Lomellina, dove scorre pigro tra le tante risaie che caratterizzano questo territorio, sempre in direzione sud-sud-est, parallelo ai fiumi Sesia e Ticino. A Ferrera Erbognone, quasi alla fine del suo percorso, riceve da sinistra il torrente Erbognone, suo principale tributario. Giunto presso Mezzana Bigli piega brevemente verso est e tra le frazioni Casoni Borroni e Balossa Bigli sfocia da sinistra nel Po.

Il suo percorso può essere suddiviso in tre parti ben distinte tra loro:

bullet

la prima, che corrisponde al tratto montuoso, scorre in un alveo roccioso e non molto largo delimitato da una valle stretta ed incassata, si estende dalle sorgenti sino alla località di Bolzano Novarese.

bullet

il tratto intermedio, che si conclude presso la città di Novara, è invece caratterizzato dal passaggio del corso d'acqua in una zona collinare.

bullet

il tratto finale, da Novara sino alla foce, caratterizzato dallo scorrere lento delle acque con ampie e continue anse, che attraversa una zona prevalentemente agricola dove storicamente ha una grande rilevanza la coltivazione del riso.

 

 

Potenzialità aurifere.

Di fatto il primo tratto montuoso del fiume attraversa le vulcaniti permiane del Massiccio dei Graniti dei Laghi e alcune aree interessate in passato da attività di ricerca mineraria legata all’industria dell’argento e successivamente del piombo. Questi aspetti fanno già pensare a buone possibilità di ritrovamenti auriferi nei sedimenti e nei terrazzi attraversati da questo fiume.

Come riferimento si può citare dal Jervis che a "Coiro Monte" (Coiromonte) furono intraprese ricerche di pirite aurifera e galena argentifera così come sotto la pertinenza del Comune di Armeno con la località “Orolungo” lungo il rigagnolo Maicrassa, affluente appunto dell’Agogna.

Nella parte medio alta del suo scorrere, tra Bolzano Novarese e Borgomanero poi incrocia i depositi fluvioglaciali e le antiche morene mediane di pertinenza del lago d’Orta.

Successivamente attraversate le colline novaresi si adagia fino a raggiungere il Po non dopo aver raccolto numerosi affluenti e canali e contribuito all’irrigazione di gran parte della pianura novarese.

In quanto alle testimonianze aurifere, salvo appunto un riferimento dello Jervis ed una fugace citazione da parte di G.Pipino nel suo “L’oro della val Padana”, null’altro si trova come riferimento bibliografico.

La parte mediana ed in particolare la zona di Orolungo furono oggetto di occasionali e forse non sufficientemente approfondite ricerche da parte di due amici; forse meriterebbe approfondire meglio, in futuro, le ricerche in questa parte di fiume.

 

 

I ritrovamenti.

Da tempo pensavo a questo fiume e di fatto mi sono studiato buona parte del percorso sulla cartografia on-line e sulle foto aeree di googleheart fino a quando, in occasione della gara sociale dello scorso ottobre ho avuto l’occasione di chiedere una indicazione all’amico Giuseppe Carenzo: nulla di preciso, ma la conferma  della presenza dell’oro è stata fondamentale e risolutiva.

 

Il "taglio dell'ansa", canale di esondazione lungo l'Agogna presso Momo.

 

Studiato con accuratezza l’alveo attraverso le foto aeree finalmente si parte alla ricerca sul terreno: dapprima sono sceso nella zona di Cavaglietto poco a valle del ponte che dava facile accesso al fiume presso il quale due anse e relative erosioni di terrazzi facevano ben sperare in un ritrovamento aurifero. Di fatto il materiale pesante seppur molto fine era composto solamente da granato e minore magnetite. Non scoraggiato ho proseguito scendendo verso valle, ma sempre con un nulla di fatto per quanto riguarda l'oro. Solo verso sera trovavo, ormai nel territorio del comune di Mono, una carrareccia che mi portava accanto ad una discarica di inerti in prossimità dell’Agogna, in un punto dove il fiume in occasione di piene sfondava con un taglio di ansa e andava a depositare sul lato opposto un abbondante deposito alluvionale. Questi due i siti che mi hanno dato la prima campionatura con alcune piccole scagliette nella parte del taglio dell’ansa ed una superiore a 1,5 mm sul lato opposto, tra grossi ciottoli scuri. L’unico problema era che il 30 di novembre alle 17 il sole è al tramonto e ormai avrei dovuto ritentare la sorte in un’altra occasione.

 

 
Il 6 di gennaio senza una particolare levataccia ci fu la seconda puntata sull’Agogna, ma l’alto livello dell’acqua non mi permise di passare sulla sponda opposta, quindi concentrai la ricerca nel primo tratto di canale di esondazione. Di fatto trovai oro molto fine e decisamente scarso, una o due scagliette d'oro per ogni secchio di materiale erano davvero poche, ma era ciò che quel sito era in grado di dare: la campionatura non diede alcun punto con una maggiore concentrazione. Stanco e mestamente soddisfatto per quella trentina di scagliette decisi di risalire un poco il fiume fino ad oltrepassare una briglia ed incontrare un piccolo affluente che nel suo scorrere incideva molto profondamente i boschi circostanti e in due strette anse aveva addirittura depositato numerosi pezzi di rottame e cocci di vetro, Lì in pochi piatti raccolsi più che in tutta la mattinata, recuperando un complessivo campione di 0.10 grammi (foto).
Ritengo che a monte della briglia e sulla sponda opposta del piccolo affluente ci siano un paio di punti che potrebbero dare qualche discreta soddisfazione: dovremo aspettare un periodo di magra o cercare un percorso agevole per raggiungerla.
Non credo che l’Agogna possa in questa parte di fiume dare grandi quantitativi di oro, soprattutto con metodi manuali e senza sfruttare il materiale di cave, ma anche questa è una chiave per collezionare l’oro alluvionale.

 

NOTA DI Z.G. Agogna, "un nome un destino": torrente del quale vien da dire che l'oro sia agognato (bramato) .... e che in qualche misura si possa trovare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.