Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Inquinam. ambientale 2

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

Allarme in Sardegna dopo l’abbandono della miniera di Furtei da parte della Sardinia Gold Mining. La miniera resta "una bomba" al cianuro che, a causa dei continui sversamenti, minaccia le falde acquifere, gli uomini e gli animali.

La Sardinia Gold Mining, nata come "la nuova frontiera nei processi dell’estrazione dell’oro"( ... )  è oggi una

 

bomba ecologica a cielo aperto. Stiamo parlando di

A cura di Ant. Soddu.

 

quella stessa Sardinia Gold Mining che, anziché produrre oro, ha prodotto disoccupazione e inquinamento.

A Furtei, paese in provincia di Cagliari, sulla scia della miniera abbandonata scatta l’allarme bomba ecologica e l’incognita cianuro. Qualcuno, anche tra gli ex operai, già in passato aveva tentato di far emergere la vicenda, ma chissà come Furtei miniera d'oro, posizione geografica. e  perché, finora tutto è rimasto disteso nel letto dell’omertà istituzionale, anche visto il coinvolgimento dell’attuale governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, nel suo passato amministratore proprio della Sardinia Gold Mining.

La società (appartenente al gruppo australiano – canadese) non si sa che fine abbia fatto: sono scappati letteralmente a gambe levate senza procedere alle obbligatorie bonifiche ambientali che saranno per questo a carico della Regione Sardegna. Le spese di bonifica ammontano a circa 9 milioni di euro, mentre i titolari della società SGM sono magicamente scomparsi.

Emerge un altro dato inquietante sulla società, un passato di debiti, fallimenti e fughe alle isole Cayman. Intanto tutta la zona dove sono avvenuti gli scavi è da anni sorvegliata attentamente giorno e notte in quanto sussistono gravi pericoli: ad esempio, cadere accidentalmente nella bacino d’acqua contenente le alte percentuali di cianuro significherebbe morte certa.

Ripercorriamo un attimo la storia di questa intricata vicenda, riguardo la quale sarebbe opportuna anche una dovuta inchiesta da parte del ministero. La società Sardinia Gold Mining è per il 90% di proprietà della Buffalo Gold e per il restante 10% della Progemisa. Nel 1997 viene estratto il primo lingotto d’oro dalla miniera che si estende per 400 ettari e conta 4 attività di scavo "a cielo aperto" (quindi non gallerie) con annessi bacini di stoccaggio. Le attività di produzione avvengono con la procedura di frantumazione della roccia da cui è estratto l’oro (di tipologia epitermale) contenuto in piccole parti, che viene poi isolato con un trattamento a base di cianuro di sodio. Per produrre un lingotto di 10 chili è necessario polverizzare 5 tonnellate di roccia. Dal 1997 al 2008 sono state prodotte 9 tonnellate d’oro.

Nel 2008 la Sardinia Gold Mining viene dichiarata fallita, la miniera viene letteralmente abbandonata e i 42 dipendenti, successivamente, messi in cassa integrazione. In tutto questo è coinvolto anche l’attuale Governatore della Sardegna Ugo Cappellacci, che dal 2001 al 2003 in veste di commercialista era alla guida dalla SGM; quindi corresponsabile del disastro ambientale di Furtei. Ancora più grave è il fatto che tutti i responsabili si siano dati alla fuga e che in seguito la Regione abbia stanziato soldi pubblici per pagare bonifiche mai avviate concretamente. In merito alla vicenda, Cappellacci fa sapere – "nel 2003 decisi di lasciare la Sardinia Gold Mineral rinunciando anche a tutti gli emolumenti. Mi resi conto che c’era qualcosa che non andava. Erano persone poco affidabili il cui intento era solo quello di fare ricerche minerarie per recuperare denaro ai fini borsistici" .

C’ è da chiedersi allora: perché, visto che si rese conto che qualcosa non andava, non informò tempestivamente la Procura della Repubblica consentendo invece, come avvenne, la fuga dei responsabili?

Altro aspetto poco chiaro della vicenda, importante da sottolineare, è che a denunciare la vicenda, oggi, è Mauro Pili il quale, uscito dal Pdl, ha creato un soggetto politico nuovo, Unidos, che si appresta a concorrere alle prossime elezioni regionali. Mauro Pili ha dimenticato però un piccolo particolare: era lui infatti, nel 2003, il governatore della Sardegna. All’epoca, lo ricordiamo, ancora non erano state adottate le attuali misure di sicurezza e sarebbe stato facile, lo sollecitarono gli stessi operai in più di un occasione, far eseguire i dovuti sopralluoghi per verificare lo stato ambientale dell'area interessata. Pili, dopo il caso del 41-bis da lui votato quando era deputato Pdl e da lui recentemente usato come argomento da campagna elettorale, perde frequentemente la memoria. Auguriamoci che non la perdano i Sardi. Soprattutto su questa vicenda è davvero il caso che intervengano al più presto le autorità competenti.

                                                                                        Antonella Soddu

 

 

Prima pag. sulla Sardegna          Prima pag. su Furtei           Furtei altri articoli

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.