Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Val Anzasca

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Pestarena, Macugnaga e miniere d'oro della Val Anzasca.

Storia di una miniera 

Un pregevole resoconto storico di Sandro Dalmastro.

 

Secondo la tradizione i piu antichi sfruttatori dei giacimenti auriferi di Pestarena, nell'alta Val Anzasca, furono i Celti prima ed i Romani poi. Tuttavia occorre arrivare fino al 1291 perché la leggenda su questa celebre miniera d'oro diventi storia. E' di quell'anno, infatti, il trattato di pace stipulato fra il Conte di Biandrate e gli abitanti delle valli dell'Anza e di Saas, in cui si fa per la prima volta cenno a dei non meglio precisati "homines argeatarii" cioè "uomini dell'argento". Sul finire del '700 la resa media delle miniere di Pestarena si aggirava sui 12-18 grammi di oro puro per quintale e la coltivazione in galleria interessava ormai anche le valli confluenti fino alla notevole profondità di 400 metri sotto il livello del suolo. In quegli anni le principali difficoltà erano costituite dalle frequentissime infiltrazioni d'acqua in galleria, comprensibili se si pensa che alcuni pozzi dei più profondi raggiungevano il livello del torrente Anza nel fondo valle e che le opere idriche erano ancora molto embrionali e poco pratiche. Verso gli ultimi decenni dell'800 le miniere vennero sfruttate, senza molta fortuna, da una finanziaria inglese per passare, poi, all'inizio del nostro secolo, in concessione alla Società Ceretti di Villadossola che vi realizzò alcune importanti opere di scavo e di consolidamento, estendendo la rete delle gallerie ad oltre cinquanta chilometri. Nel 1938 gli impianti passarono all'Azienda Minerali Metallici Italiani, una società statale che li sfrutterà con alterna fortuna fino al 1954, anno della loro prima chiusura. Persa la signoria della valle alla fine del 1700, i Borromei riuscirono tuttavia a conservare la "decima" sulle miniere, che nel frattempo erano state concesse in sfruttamento al capitano Bartolomeo Testoni. E' certamente questa una delle figure più leggendarie tra quelle che popolano la storia della ricerca dell'oro nella valle dell'Anza. Dotato di un fiuto nella ricerca e di un dinamismo imprenditoriale davvero inusuali per l'epoca, fu un vero e proprio ingegnere minerario "ante litteram", coltivando nuovi filoni con grande profitto ed arricchendosi in breve tempo. Non minore fortuna toccò, alcuni anni più tardi, ad un altro capitano minatore: Pietro Giordano di Alagna, appaltatore dei lavori di scavo che iniziarono vicino al ponte, nella frazione di Borca. Con questo nome erano verosimilmente indicati i minatori che impiegavano il mercurio ("argentum" nel latino volgare dell'epoca...?) per estrarre, con il metodo dell'amalgamazione, l'oro dal materiale sterile. Solo all'inizio del 1400, però, con l'avvento in valle del capitano di ventura Facino Cane, ha inizio l'epoca del vero e proprio sfruttamento razionale dei filoni auriferi. E' questo il periodo in cui la coltivazione dei giacimenti subisce un netto incremento, grazie a geniali innovazioni nella tecnologia estrattiva e nell'arricchimento del minerale. Scacciati i discendenti di Facino Cane intorno al 1430, arrivarono in valle i Borromei, che avevano nel frattempo acquisito il diritto di concessione su tutte le miniere dal duca Gian Galeazzo Visconti. Pare, tuttavia, che la qualità della loro gestione "mineraria" della valle Anzasca fosse nettamente inferiore a quella politico-militare, cosicché fino a tutto il '700 gli impianti lavorarono a ritmo ridotto, con rese assai meno proficue di quelle ottenute due secoli prima dai loro predecessori. A cavallo del periodo bellico la produzione raggiunse i massimi vertici nella secolare storia della miniera, grazie ad un aumento considerevole della mano d'opera; tuttavia la gestione statale non fu certo un modello di efficienza e di sicurezza e l'assoluta mancanza delle più elementari misure profilattiche causò in quegli anni un aumento impressionante dei casi di mortalità per silicosi. Nel dopoguerra la produzione riprese tra molte difficoltà, dovute soprattutto all' equilibrio tra i prezzi di costo e quelli di realizzo ed alla mancanza degli iperbolici premi di produzione che la Banca d'Italia aveva continuamente elargito nel periodo autarchico del regime. Così, dopo alterne vicende, nel 1961 si giunse alla definitiva chiusura degli impianti.

Sandro Dalmastro

Vedi anche in Val Sesia il sentiero Genoni che dal collescende in questa valle.

  Vedi anche le note storiche tratte dai documenti Sabaudi

IN LIBRERIA. Nel 2008 è uscito il volume dedicato alle miniere d'oro del Monte Rosa, dal titolo: "L'oro del Rosa. Le miniere aurifere tra Ossola e Valsesia nel Settecento. Uomini, vicende e strumenti in Valle Anzasca", Edizione Zeisciu Centro Studi. Dettagli al merito sui Siti delle librerie Rizzoli e Hoepli.

 

All contents copyright
© 2003--2013 VDA
All rights reserved.

No portion of this service may be reproduced in any form, or by any means.

E' un Sito di oltre 500 pagine per cercatori d'oro amatoriali: se non trovi soluzione ai tuoi interrogativi, scrivi a Zappetta Gialla e riceverai in un paio di giorni una personale risposta.

Se vuoi puoi anche collaborare inviando del materiale utile, compresi eventuali resoconti di esperienze personali: le schede che realizzerò riporteranno il tuo nome in testa alla pagina (vedi qualche esempio).

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Macug.e Pestar.articolo
Giacitura dell'Oro
estrazione e trattamento
incidenti minerari