Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Olobbia

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

Dal Fiume Elvo a Olobbia e dintorni: Oro e riflessioni.

     
 

Una pagina a cura di Fabio Belloni.

 
 

Domenica sono finalmente riuscito a trovare un ritaglio di tempo e mi sono dedicato ad una puntata esplorativa in Piemonte. Il programma iniziale prevedeva la ricerca in alcuni specifici punti di fiumi minori, ma già osservando il Ticino e il Sesia dai ponti autostradali appariva evidente una situazione "di piena" suscettibile di pregiudicare le ricerche. Come previsto infatti, al primo accesso, fatto sul poco noto torrente Druma (mi era stato a suo tempo segnalato un assaggio positivo da G. Rambaldelli e volevo verificare la possibilità attuale di avere una campionatura di quel fiume), ho trovato le piccole punte, mio obiettivo di ricerca, completamente invase dall'acqua e pertanto ho dovuto ripiegare su altra località. Giunto poco a sud di Salussola ho fatto tappa intermedia per osservare l'Elvo (vedi se vuoi alcuni posti noti di questo fiume): che disastro il greto rispetto alla situazione di dieci anni fa ! Poi ho raggiunto l'Olobbia nella parte mediana del suo corso, a NW di Cerrione. Anche qui grandi modifiche (però questa volta sostanzialmente naturali) rispetto a quel che era anni fa, addirittura con marcati cambiamenti del suo stesso corso. Fatti svariati assaggi con la batea ho trovato accumuli di sabbie pesanti, ma senza tracce d'oro per un buon tratto. Le modifiche del corso d'acqua hanno portato a vista una banco di sedimento appoggiato su uno strato argilloso: in tale formazione si apprezzava sul taglio una piccola zona di concentrazione dal colore decisamente più scuro. Ho quindi fatto lì qualche assaggio, tre batee il cui concentrato presentava in effetti buona quantità di granato, di ilmenite e magnetite, ma nessuna traccia d'oro. Nelle operazioni ho privilegiato la ricerca e dunque non ho volutamente assaggiato un vecchia punta che già conoscevo per le soddisfazioni che mi diede e che oggidì, pur se con regime idrico mutato, potrebbe essere ancora lavorabile (adesso c'è però molta vegetazione) e mi sono invece indirizzato ad un piccolo affluente sulla destra orografica  (già a suo tempo assaggiato con successo) nel quale ho trovato tracce di recenti piccole lavorazioni. Qui ho fatto un paio di batee con sabbia tratta da una piccola punta e ne ho subito ricavato tracce d'oro (5-6 piccole scagliette ed una più consistente), a dimostrazione che potenzialmente la zona  sia ancora utile.

 

Nell'esplorazione è stata utilizzata attrezzatura leggera: pala, piccone, secchio, setaccio e batea. Necessari gli stivali alti.
                                                                   

                                                                                         Fabio Belloni

 

P.S. Qui a lato, sue ulteriori analisi e considerazioni su altri corsi d'acqua.

 

 

UNA NOTA DI STORIA. Da notare che in passato il torrente Olobbia, che lambisce lo strato terrazzato aurifero della Bessa, era noto e apprezzato per la presenza di oro "spesso e granuloso" e che le ricerche effettuate negli anni ’30 del Novecento dall’altra parte del terrazzo, alle origini della Val Sorda, da un cercatore che era stato in Alaska, portarono al ritrovamento di alcune pepite (MARCO 1939-40): in questa zona è inoltre segnalato il ritrovamento, in tempi recenti, di una scaglia bi-centimetrica molto spessa, pesante circa 4 grammi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

analisi varie di Belloni

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.