Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

navigazione esplorativa

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

In questa pagina, proposta, organizzazione e conseguente realizzazione di un progetto di esplorazione senz'altro interessante e simpatico, ideato nel 2018 dal cercatore d'oro G. Rizzi.

Pagina a cura di

 Giuseppe Rizzi

 

 

1) L'INIZIATIVA. Mi permetto di avanzare una proposta indirizzata a quanti sono interessati alla ricerca amatoriale di campioni d’oro. La proposta è per una intera giornata sul fiume Ticino scendendo il tratto da La Maddalena a Turbigo o in alternativa da Trecate a Vigevano. Se almeno una quindicina di persone si diranno interessate potremo chiedere assistenza per realizzare la cosa ad Alberto Vincenzi di AqQua canoa e rafting di Vigevano, che già in due altre occasioni ha realizzato tale attività. AqQua fornirà ai partecipanti tutto il materiale necessario: gommoni con portata di 8 persone, giubbotto salvagente, un casco, una pagaia, contenitori stagni e soprattutto la presenza di una guida esperta. La bassa velocità di navigazione con i grandi gommoni permetterà a tutti e in piena sicurezza di conoscere appieno un territorio affascinante e quasi incontaminato, la sua flora e fauna e soprattutto, per noi cercatori e aspiranti tali, un fondamentale aiuto alla comprensione del fiume.

Scendere portati dalla corrente permette di avere una visione “diversa” del fiume: il suo corso, le sue correnti, le sponde, le zone di erosione e di possibile deposito, e questo viaggio ci consentirà di arrivare alle punte conosciute e alle “sconosciute” di modo che, durante la discesa, potremo fermarci a scelta nei punti che avremo individuato come interessanti per fare degli “assaggi”. Queste soste ci permetteranno anche, e direi soprattutto, di conoscerci e di condividere conoscenze ed esperienze . Vi propongo come data domenica 1 luglio e in caso di mal tempo un rinvio a domenica 8 luglio. Chi è interessato a questa proposta può contattarmi direttamente o indicare qui di seguito (nota di ZG: nel post originario in facebook e non più qui, ovviamente)  la sua disponibilità e sarà poi mio dovere contattare gli interessati. Se non ci fossero i numeri, ma qualcuno dispone di una propria canoa mi contatti e gli farò sapere quando con i miei soliti compagni organizzeremo una nostra privata discesa.

 

mappa ticino cercare punte con oro

Nella mappa, il tratto interessato dalla navigazione esplorativa.

 

2) LA CONFERMA. Ho avuto diverse risposte positive e a tutti invierò una personale richiesta chiedendo la conferma di partecipazione per poter poi avvisare Alberto di AqQuarafting sul numero dei partecipanti. Le previsioni meteo per domenica 1° luglio indicano tempo soleggiato e temperature 22° 29°. Se ci saranno le conferme, la discesa si farà la prossima domenica 1 luglio.
Si scenderà il tratto da Trecate, a valle del ponte di Magenta/Novara, sino a Vigevano. Il Ticino in questo tratto scorre quasi in piano e la discesa in gommone sarà in piena sicurezza. La bassa velocità di navigazione permetterà di conoscere appieno un territorio affascinante alla scoperta della flora, della fauna del Parco e soprattutto, per noi cercatori d’oro, la possibilità di percorrere il fiume in un modo che ci potrà permettere di scoprire tutte le sue potenzialità aurifere. Durante la discesa potremo fermarci nei punti che individueremo come interessanti per fare degli “assaggi”. Le attrezzature al seguito dovranno essere ridotte al minimo e sono consigliati: zappetta e paletta, un paio di piatti, succhiotto e fialette per le scagliette d’oro, il tutto riunito in una borsa con le provviste e le cose personali. Il consiglio è di fornirsi di scarpe sportive lavabili o stivali al polpaccio. Si bagneranno i piedi solo i primi che, alle varie soste, scenderanno dal gommone, poi una volta accostati alla riva si scende all’asciutto. Abbigliamento comodo, scarpe e indumenti di ricambio per il dopo discesa, colazione al sacco.
Ci imbarcheremo su gommoni da rafting che portano 8 persone più una guida esperta al timone. Tutti indosseremo per questioni assicurative giubbetti salvagente e caschetto ma le probabilità di cadere in acqua, salvo volontari tuffi, sono praticamente zero. Avremo a disposizione sui gommoni dei contenitori stagni dove stivare tutto quello che è bene non si bagni per gli schizzi d’acqua (delle pagaie). P.S. Tutti i partecipanti verseranno la propria quota di 45 euro all’Associazione AqQua (si scrive proprio così) di Vigevano.

 

3) Relazione su come siè svolta questa "avventura".

 

cercatori d'oro sul Ticino

Si comincia a spadellare!

 

1 luglio 2018: con gli intrepidi: Cesare, Fabio, Franco, Gaetano, Giuseppe, Paolo, Rolando e Solomiya ci siamo dati appuntamento alle 9.oo a Vigevano dove abbiamo incontrato Titti e Alberto di AqQua. Abbiamo lasciato le nostre auto e con due pulmini ci hanno portati al punto di imbarco: appena a valle del ponte tra Magenta e Novara. Un preciso briefing della nostra guida “comandante Lucio” sulle informazioni necessarie per la navigazione: dal come impugnare e usare la pagaia a come rispondere ai vari comandi sino ai comportamenti da tenere in caso di emergenze. Alle 10 gommone in acqua, tutti a bordo e via ……! Il gommone portato dalla corrente scivolava silenzioso e questo ci ha permesso di arrivare vicini ai vari tipi di volatili che stanziano sul fiume: cormorani, aironi, sterne, gabbiani, ecc. Solo di tanto in tanto abbiamo dovuto pagaiare per aumentare la velocità. Scendendo osservavamo con attenzione le sponde erose e i vari alberi abbattuti cercando di immaginare dove l’acqua avrebbe potuto depositare l’oro formando una “punta”. Lì… secondo me….. si, ma in alto … no, c’è troppa corrente….. fermiamoci a fare qualche prova! Lucio gentilissimo ci ha sempre detto di sì. In effetti nelle varie soste, lavando di solo piatto, abbiamo sempre verificato che di oro ce n’era e anche in discreta quantità, non molte scagliette sopra il mm. ma un’infinità di piccole scagliette e puntini misti a grandi quantità di finissimo granato e altrettanto polverosa magnetite. L’unico inconveniente è che in buona parte dei posti dove ne abbiamo trovato non c’è nessuna possibilità di un lavoro con le canalette. Ultima fermata per raccogliere un po’ di “giallo” dalle parti di Abbiategrasso poi via, senza più soste sino a Vigevano dove siamo arrivati alle 16. Grazie a tutti per la bella giornata trascorsa insieme e grazie anche al Ticino!

 

Foto di gruppo al momento dell'ultima "ripartenza".

 

                                                                                             Giuseppe Rizzi

 

 

UNA NOTA DI ZG. E' un testo tratto dalla mia pag. Fb col consenso dell'autore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.