Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Valli Lanzo e Canavese

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

L'antefatto: in seguito ad una semplice e-mail ricevuta per richiesta di ragguagli da parte della Società Storica delle Valli di Lanzo a proposito di miniere situate nel medesimo distretto, sono emerse alcune informazioni al merito che mi hanno così dato lo spunto per iniziare ad esporre nel Sito anche qualcosa su quest'area piemontese. Si tratta per il momento di poche ma valide notizie ottenute sia tramite la stessa Società di cui sopra e che ringrazio qui personalmente, sia grazie ad un tempestivo e competente intervento da parte del dott. Pipino, già pregevole collaboratore di questa mia attività in rete.

 

1. Laghi d'Unghiasse. Per quanto concerne le miniere che un tempo sussistevano nelle valli di Lanzo e che contribuirono al loro sviluppo, sulle montagne circostanti vi sono ancora numerose testimonianze fisiche (imbocchi di scavi) e orali (racconti tramandati di generazione in generazione); il contesto è inoltre dimostrato in numerosi documenti, dal trecento in poi, sia presso l'Archivio di Stato sia nell'Archivio Comunale di Groscavallo, e tra questi saltano sicuramente all'occhio (se non altro per singolarità) le attenzioni che vennero rivolte ai laghi d'Unghiasse, sopra Cantoira - Chialamberto, luogo in cui taluni prospettarono nel tempo anche l'idea di scavare una miniera d'oro.

Nei manoscritti di Clemente Rovere (Piemonte delineato e descritto, 1850 circa.), che si trovano presso la Deputazione Subalpina di Storia patria e contengono più di 4000 disegni oltre a varie notizie e leggende che il suo autore raccoglieva dagli stessi abitanti dei luoghi in questione, si legge infatti che alcuni montanari avevano parlato addirittura di un progetto per prosciugare uno dei laghi al fine di ricercare nel suo alveo questo presunto deposito d'oro, ma che poi spese e difficoltà per la realizzazione avevano fatto infine abbandonare l'idea. 

 

2. Lunelle presso Traves, Anche in tale località meriterebbero approfondimenti "più aggiornati", perché c'è lì un sito minerario detto "la miniera dell'oro".

 

3. Miniere di Rambasa. Da questo giacimento si estraeva "aciajo e argento", minerale che serviva a realizzare palle da canone per l'artiglieria: di queste miniere esistono moltissimi documenti, ma l'oro non vi viene mai menzionato. Da notare, per gli interessati a visite sul posto, che insieme al CAI di Lanzo la Società Storica già sopra citata ha mappato e ripristinato con segnaletica l'antico sentiero indirizzato a queste miniere situate sopra Forno Alpi Graie.

 
4. Musei minerari. C'è ad es. quello della Brunetta, il quale riguarda l'omonima miniera (talco) adibita appunto oggigiorno a visite turistiche e culturali. 
 

5. Miniera di Fragnè. E' reperibile ancora tutta la mappatura di questo giacimento che era veramente grande. Nell'ottocento si portava il suo vetriolo ad Avigliana per la fabbrica della dinamite. Detta miniera è' rimasta in funzione fino agli anni 1960 circa.

 

6.NOTE AGGIUNTE

Il giacimento di Chialamberto (Fragné) si dimostrato alquanto esteso ed è stato coltivato, in diversi periodi, per rame e  pirite: è costituito da ammassi lenticolari, contorti e ripiegati, di pirite massiva in cloritoscisti che, nel complesso, formano due estesi corpi paralleli posti alle estremità di una lente prasinitica spessa circa 25 metri e che è concordante sia con la scistosità di questa

DAL DOTT. PIPINO

sia con il corpo di anfiboliti che la contiene;  le sue lenti

maggiori possono raggiungere lo spessore di 4,5 metri, la lunghezza di circa 80 metri con larghezza di 10, per uno sviluppo totale di circa 700 metri per 200, delimitato da faglie verticali con sviluppo di talcoscisto. La mineralizzazione è costituita prevalentemente da pirite “granoblastica” poco cuprifera, a cui si associano calcopirite, blenda, bornite, enargite, tetraedrite, pirrotina, molibdenite, galena, valleriite, magnetite, rutilo, titanite, ilmenite, covellina. Inoltre, i corpi mineralizzati e le rocce inglobanti sono interessate da numerose seppur limitate vene quarzoso-feldspatiche mineralizzate a calcopirite e blenda (ZUCCATO 1970): l’Autore non rileva la presenza dell’oro che pure, date le caratteristiche della mineralizzazione locale, è di certo presente in tracce e potrebbe quindi giustificare (anno 1823) l'avvenuta segnalazione  della individuazione del metallo nelle sabbie del "Lago dell’Anghiassa" (a questo proposito Nicola Mangiardi disse infatti che c’è una miniera d’oro coperta dal lago d’Anghiassa (oggi Unghiasse)  e consiglia di abbassare il lago per trovarla, ma l’ing. delle miniere esprime parere negativo, anche perché analisi delle sabbie del lago effettuate per l'occasione non avevano dato riscontri positivi (da informazioni reperibili presso l'Archivio di Stato di Torino, sez. Corte, Materie Economiche, Miniere, Mazzi da ordinare).

Nello stesso periodo (metà Ottocento) veniva messo in evidenza il giacimento cuprifero di Chialamberto, per il quale erano stati chiesti permessi di ricerca per minerali vari, compreso l'oro, nelle località Gorgie e Cornello.  Ricerche generiche, sempre per minerali vari e oro compreso, furono successivamente  eseguite nelle località Torrione di Groscavallo, La Neira e Casa dei Ru di Mezzenile, Le Piane, Case Perchiato, La Battaja,  Alpe Ciamoretto e Alpi Vannone di Balme.

Approfondimenti di questa pagina

 

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.