Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Rio Roverno

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Pagina della sezione Ovadese oro nei fiumi.  Vedi le miniere di questo distretto

 

 

Torrenti con oro in Val d'Orba.

 

Itinerario di ricerca aurifera sul Rio Roverno

 località Casaleggio Boiro

a cura di Alberto Toscani

 

Dall'autostrada Genova-Milano (se serve prenderla, ovviamente) uscire al casello di Ovada e procedere in direzione Belforte Monferrato e Lerma: oltrepassare queste due località e proseguire sino ad entrare nell'abitato di Casaleggio Boiro; non appena in paese svoltare a destra per il primo bivio che s'incontra e seguire i cartelli turistici con direzione Laghi della Lavagnina. Dopo qualche chilometro si oltrepasserà un ponticello e, guardando a valle si noterà una "chiusa". Questo punto corrisponde esattamente alla confluenza del Rio Roverno col torrente Gorzente. Parcheggiare l'auto in modo da non recare intralcio sulla già stretta carrabile e risalire tenendosi alle spalle il Gorzente fino ad oltrepassare il ponte sul Rio Roverno.

Le ricerche vanno effettuate risalendo il Rio, sulla sponda alla nostra destra. I ritrovamenti sono forse rari ma sicuramente di notevole bellezza: si tratta per lo più di pepitine e, talvolta, qualche pagliuzza. Il sottoscritto, ad esempio, ha qui trovato una pepitina di 5x2x3,5mm.

 

 

Si consiglia di effettuare le ricerche dopo periodi di piena.

Per dove confluisce nel Gorzente vedi questa importante nota.
 

 

Vedi se vuoi la sezione miniere di questo distretto

 
 

     
 

GROUPE DE VOLTRI OR – SECTION RIVIERES : OVADESE, VAL GORZENTE, VAL D’ORBA ET LEURS TERRITOIRES (Si vous voulez voir ses mines il ya une section correspondante)..

 

                                      

                                          Texte traduit par Massimo Salicchi

 

             

               Itinéraire des recherches aurifère dans le Rio Roverno
                                                   

                                                         édité par Alberto Toscani

De l'autoroute Gênes-Milan (si vous avez besoin de le prendre, bien sûr) sortir a Ovada et continuer en direction de Ovada Belforte Monferrato et Lerma: au-delà de ces deux endroits continuer jusqu'à ce que vous arrivez à le village de Casaleggio Boiro; Lorsque vous entrez dans le village, vous devez tourner à droite à la première intersection que vous rencontrez et suivre les panneaux touristiques qui indiquent la direction pour les lacs du Lavagnina .
Après quelques kilomètres, vous traverserez un pont et regardant vers l'aval, vous remarquerez un barrage. Cela correspond exactement au point de confluence du Rio Roverno avec le flueve Gorzente. Vous devez garer votre voiture, en essayant de ne pas causer obstacle sur la route très étroite et à pied en laissant derrière nous le torrent Gorzente jusqu'à ce que vous passez le pont sur le Rio Roverno.
La recherche doit être effectuée en remontant le Rio, sur la rive à notre droite. Les résultats sont sans doute rares, mais certainement de toute beauté: il s'agit de petites pépites, et parfois même quelque paillette. Le soussigné, par exemple, a trouvé ici une très petite pepite de 5x2x3,5mm.
Il est recommandé d'effectuer les recherches après la période de crue.
 

 

                                       Texte traduit par Massimo Salicchi

 

 

Ce encadré contient seulement le texte principal: pour regarder toutes les photos, cartes, notes qui le concernent et tous les links menant à d'autres pages, il faut se référer au texte originale dans le haut de cette page.

 
     
 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.