Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Come era una volta

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Elaborazioni ed estratti autorizzati dei testi del dott. Pipino, con eventuali note aggiunte di Z.G: per approfondimenti più colti si consiglia senz'altro l'Originale.

 

IL VALORE ECONOMICO. L'aumento del prezzo dell'oro, iniziato a metà degli anni '30 e poi notevolmente incrementatosi durante la seconda guerra mondiale, fece proliferare l'attività di raccolta in tutti i nostri fiumi auriferi, con particolare attenzione rivolta al Ticino. Nel 1939 infatti, nonostante già vigessero le regolamentazioni di ricerca denominate "Bicchieri", erano comunque attivi almeno un centinaio di cercatori d'oro (che oggi definiremmo amatoriali se non fosse che in realtà a quei tempi molte persone "spadellavano per vivere"): in quell'anno il valore dell'oro in Italia corrispondeva a circa 21 lire per grammo e nel corso dell' imminente guerra diventò possibile venderlo anche a mille lire il grammo, mentre la paga di un operaio raggiungeva appena le 100 lire al giorno. In pratica, in tale contesto anche il cercatore meno "fortunato" poteva guadagnarsi la giornata trovando pochi decimi di grammo d'oro.

bullet

Finita la guerra, l'oro si stabilizzò ad un valore di 600/700 lire per grammo e la paga giornaliera operaia arrivò a quasi di trecento lire: la situazione era dunque assai cambiata, ma a conti fatti la ricerca individuale dell'oro rimaneva pur sempre abbastanza conveniente. Questo fattore determinò comunque un netto calo numerico di interessati, calo diverrà sempre più significativo col passar degli anni perché se la ripresa economica portò in breve gli stipendi a cifre ancor più meritevoli, il valore dell'oro tendeva però a discostarsi di poco dai valori sopra menzionati.

bullet

Alcuni vecchi cercatori continuarono comunque l'attività fino alla fine degli anni '50, alternandola con la cura dei campi ed integrandola talora con la raccolta dei cosiddetti sassi bianchi, cioè comuni ciottoli di quarzo, dei quali vi era ancora una discreta richiesta. Grazie a quest'ultimo ciclo di cercatori è stato possibile raccogliere e tramandare precise informazioni sulle tecniche di raccolta e sugli strumenti utilizzati nel recente passato, tecniche e strumenti che risentono di personalizzazioni e differenze locali dovute alle caratteristiche fluviali ed anche da apporti conoscitivi esterni. Alcuni di questi strumenti sono oggigiorno conservati nel Museo Storico dell'Oro Italiano. Sempre  negli anni '50, alcuni curiosi attratti da trafiletti giornalistici e da riviste con articoli che parlavano dei Cercatori d'Oro, cominciarono a frequentare il fiume  e a cimentarsi nella raccolta amatoriale utilizzando dapprima gli antichi strumenti locali per poi sperimentarne altri nuovi: a tal proposito va senz'altro segnalato il nome di Guido Varini il quale negli anni '60 trascorreva le vacanze ad Oleggio e v'introdusse l'uso dello zerbino di cocco, che è l'antenato dell' odierno apprezzatissimo tappetino.

Arrivando agli anni '70, interessi e curiosità erano andate però via via scemando e la ricerca amatoriale era esercitata solo più da pochissime persone, in particolare da una decina di appassionati appartenenti quasi tutti al Gruppo Mineralogico Lombardo, finché un'ingegnosa iniziativa del dott. Giuseppe Pipino, appassionato e sicuro esperto dell'argomento, fece tornare alla ribalta tutto il contesto. Egli inizio ad organizzare manifestazioni dimostrative pubbliche sulla ricerca dell'oro alluvionale, nonché, a partire dal 1981, gare di abilità che tra pubblico e concorrenti ebbero un tale successo di partecipazione da esser poi diffuse e rinnovate periodicamente sino ai giorni nostri.  Lo svolgimento di queste manifestazioni o gare determinò significativamente, ad ampio raggio, il diffondersi dell'hobby della ricerca dell'oro nel nostro paese e  da questo ne derivò, quale effetto concatenante, il nascere di numerose associazioni rivolte all'argomento. Sempre per ovvia conseguenza, anche l'affinamento della tecnica di lavaggio fece un grosso balzo in avanti, con conseguente abbandono o miglioria degli antichi strumenti finora in uso.

 

Esempio su carta millim. di oro del Ticino. (foto Giordano).

 
bullet

STRUMENTI E METODI D'UNA VOLTA. Individuata la zona di ricerca, si procedeva ad un assaggio del materiale lavandone un poco con lo stesso badile di raccolta o con lo strumento poi utilizzato anche per il lavaggio finale (bacile, trola, basla) e se la zona ne risultava buona si procedeva al lavaggio in grande, per il quale erano necessarie almeno due persone, sia che si utilizzasse il banco che l'asse;  nel caso si usasse quest'ultimo strumento era necessario dapprima setacciare  il materiale, operazione invece non indispensabile  col banco, da cui derivò l'asse che è in uso ancora adesso. La trola (o il bacile, che era un suo simile anche se non identico), è una lamiera di ferro lunga una quarantina di centimetri e di poco più stretta, con bordi rialzati quattro centimetri circa su tre dei lati due canali di scolo nei rispettivi angoli posteriori ed un'incavo centrale, posto sullo stesso lato dei canali e che serve ad incastonare perpendicolarmente un manico (foto qui a lato).

N.B. Per approfondimenti sulla struttura e sulle modalità d'uso di questi attrezzi "di una volta" si rimanda ai tasti a lato pagina.

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

 

 

 

 

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.