Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

La valle del Cervo

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Poche righe, che sono però pillole preziose sull'oro del fiume Cervo in generale.

 

La mineralizzazione della valle del Cervo è generalmente e prevalentemente costituita da vene e limitati filoni di quarzo o rocce contenenti pirite, calcopirite, galena argentifera, molibdeno e tungsteno. A questo elenco si può però senz'altro aggiungere anche l'oro perché è da detti depositi primari che provengono sicuramente le pagliuzze e granuli rinvenibili sia nel Cervo sia in altri torrenti locali.

Tra i vari autori, già Jervis ad es. segnalò nei suoi testi la presenza di oro nativo in pagliuzze nel territorio di San Paolo, dicendo nel contempo che a monte di Sagliano invece non se ne trovasse.

La diffusione dell'oro che è segnalato nel Cervo a valle di Sagliano (di grosse dimensioni nel tratto fra Andorno e Biella, poi in polvere sempre più fine in tutti gli altri comuni che attraversa scendendo sino al suo confluire nel Sesia) sembra si debba attribuire alle mineralizzazioni cuprifere (oggigiorno riconosciute in qualche misura anche aurifere) che affiorano nelle località Passobreve e Oneglie, le quali ultime si trovano appunto nell'ambito territoriale del Comune di Sagliano Micca e attualmente sono denominate miniere di Ramoletto, Rimodale e Casale.

Anche l'oro trovabile nel Cervo a monte di Biella, specie quello di maggiori dimensioni, sembrerebbe provenire dalla zona sopramenzionata e in antichi documenti si avanzava l'ipotesi che pure nei monti posti sulla destra di Andorno dovessero esserci filoni d'oro "trasportato" nel Cervo da torrentelli locali; a tal proposito merita sicuramente riflettere sul fatto che alcune ricerche sul posto da parte del dott. Pipino diedero come interessante risultato il discreto rinvenimento di granuli d'oro ad es. nel Morezza, piccolo torrente che sfocia nel Cervo e che lungo il proprio percorso non attraversa alcuna area meritevolmente mineralizzata. Da ciò si potrebbe dunque supporre che detto "trasporto aurifero" abbia avuto origine dalla confinante Val Sessera durante lo sviluppo dei processi glaciali svoltisi nel tempo. D'altronde pure l'Oropa, in cui è storicamente dimostrata la presenza aurifera (Balbe, 1786), non attraversa dal canto suo alcun terreno mineralizzato al merito.

 

 

Un paragrafo di questo libro: "..In epoca recentissima (2004) il cercatore vercellese Giuseppe Carenzo, uno dei pochi ai quali sono riuscito a trasmettere il gusto della ricerca, ha voluto verificare le notizie del Mullatera, e dopo vari tentativi, la sua costanza è stata premiata da un eccezionale ritrovamento. Infatti, proprio nel punto indicato dallo storico biellese, ed esattamente appena a valle del Ponte della Maddalena, in sponda sinistra, fra grossi blocchi di pietra lavorata rotolati da una precedente piena e il letto roccioso del torrente, ha recuperato, dopo vari lavaggi, una decina di piccole pepite, la più grande delle quali misura cm. 2,3 x 1,5 x 0,4 e pesa gr. 12,3.

 

 

Anche Nicolis de Robilant (1724-1801) ai suoi tempi s'interessò a questa zona ed i suoi testi ci dicono che il metallo veniva "pescato", nel Cervo, fino all'altezza di Campiglia; aveva titolo compreso tra i 22 e 23 carati, lo si trovava sotto forma di granuli, piccoli o grandi come chicchi di riso, ma anche di dimensioni maggiori (fino a 26 - 27 grammi !!!) e talora in lamine ancora attaccate alle ghiaie di quarzo. L'oro, sempre secondo Robilant, proveniva forse dai filoni di quarzo con pirite e marcasite diffusi nei monti circostanti e si diceva che "...su quelle altezze, tra la Sessera e la valle d'Agosta, possano essere miniere d'oro ricche, lavorate clandestinamente da paesani".

Mulattera (stesso periodo di Robilant) asseriva che si cercava oro nel Cervo presso Biella, poco a monte del ponte vicino all'oratorio di S. Maria Maddalena; Jervis invece precisa, come già detto, che l'oro è segnalato lungo tutto il corso del fiume, anche a valle di Biella, ma che da questa località sino al convergere col Sesia diventa sempre più piccolo.

 

 

Quelle riportate qui sopra sono solo alcune note, da me riassunte e riordinate per una rapida consultazione utile ai cercatori d'oro amatoriali, di un capitolo sulla valle del  Cervo presente nel libro L'oro del biellese e le aurifodine della Bessa, pubblicato da G. Pipino nel 2012. Il libro costa circa 20 Euro, è in vendita presso la Libreria Giovannacci di Biella, oppure si può richiederlo al Museo Storico dell'Oro italiano (anche da qui info@oromuseo.com) che provvederà a spedirvelo.

 

Qui a seguire, a titolo di esempio, alcuni vostri dialoghi su questo argomento che avete inserito nella mia pag. FB e che sono quindi consultabili nella medesima. Dal post di Simone: " ... ho fatto una puntata in alto Cervo, ma in quel contesto serve attrezzatura diversa, poiché dopo poco si arriva a toccare il fondo ed è pura roccia; inoltre gli stivali sono d'obbligo per la temperatura "glaciale" dell'acqua ( mi sono venuti i geloni ai piedi) ..."

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Cervo a Buronzo

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.