Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Seveso un articolo

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

I cercatori d’oro del Seveso
«Ore a mollo per un grammo»

Anche sul Ticino aumentano gli appassionati della caccia alla pepita

Cercare oro nei fiumi, però, non è uno scherzo: «Bisogna partire all’alba — spiega Pileggi — ci si immerge nell’acqua gelida, si scava una buca e poi, con la schiena china su una canaletta di legno, si inizia a passare la terra al setaccio sul greto del fiume». Sei, anche otto ore così, prima di trovare, alla fine di una giornata, un grammo d’oro. Se tutto va bene. Insomma: nessuno si è arricchito come nei romanzi di Jack London: «In casa — dice Molena — conserviamo in provetta le poche centinaia (*) di grammi d’oro raccolti con le nostre mani in mesi di ricerche». Il silenzio, il fascino del contatto con la natura, per la maggior parte degli appassionati cercare il metallo giallo è uno sport per mantenersi in forma o un hobby per pensionati. Ma in tanti, comunque, sono passati all’agonismo e adesso partecipano ai campionati mondiali. In California, da sempre la mecca dei cercatori d’oro, gli italiani hanno fatto bella figura. I sette che nel 2016 hanno partecipato alla «Wga Goldpanning Championship», a Placerville (Sacramento), hanno portato a casa nove medaglie. D’oro, naturalmente. Esistono diversi gruppi di cercatori: «Oro in Natura» è il più numeroso in Lombardia. E in tempi di crisi economica c’è chi si è messo a cercare oro per lavoro: «La mia azienda ha chiuso — dice un ex operaio —. Così, ho cercato di trasformare il mio sport preferito in mestiere». Sei, otto ore nel fiume, per tornare a casa con un grammo d’oro. Trenta euro al giorno, ottocento euro al mese. Ma gli esiti sono improbabili. «A volte non si trova nulla per giorni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

* Onde evitare  facili illusioni riguardo la frase "le poche centinaia di grammi d’oro raccolti con le nostre mani in mesi di ricerche",   faccio presente che alla maggior parte dei cercatori, per trovare etti di oro occorre un'intera "carriera", come d'altronde già ben descritto sia prima sia dopo in questo articolo. Tutto questo naturalmente per quanto riguarda la norma, perché possono pur sempre capitare ricchissimi casi isolati.

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Seveso altro articolo

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.