Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Scendere a Macugnaga

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Qui sei nelle pagine che ho realizzato, estrapolando e riordinando secondo le esigenze del sito, buona parte delle argomentazioni mineralogiche e minerarie trattate in una pregevole tesi di Laurea sull'alta Val Sesia. (vai a inizio Tesi).

                                                                                          

   

Dalla tesi di Laurea di Alessio Rimoldi, su suo gentile consenso e che ringrazio per la preziosa collaborazione al Sito.

 
   

                                                                                          

 

 

Il sentiero Genoni nel versante di Macugnaga.

 

Dal Passo della Miniera si entra nella Valle Quarazzola, tributaria in destra orografica della Valle Quarazza. Parecchie gallerie e discariche attestano subito la presenza di un’intensa attività estrattiva. In realtà si tratta di interventi abbastanza recenti, iniziati nel 1935, contestualmente all’autarchia conseguente alle Sanzioni votate dalla Società delle Nazioni contro l’Italia dopo la dichiarazione di guerra all’Etiopia. La fame di oro (materia fondamentale per Valsesia, lo stabilimento presso Città Morta. l’acquisto di prodotti primari dall’estero) favorì la ricerca di nuovi filoni auriferi in aree non ancora individuate, come nell’alta Valle Quarazzola. Il materiale estratto veniva trasportato con una breve teleferica dalla zona immediatamente sottostante il valico fino a un ripiano inferiore, a sinistra del torrente, da dove partiva una successiva teleferica che con uno sviluppo di circa 3 km giungeva alla stazione finale, nei pressi della Città Morta (o Crocette), a 1360 m. Qui, in un importante stabilimento (foto a lato), si provvedeva alla selezione completa del minerale. La zona della partenza della teleferica era stata denominata “Santa Cristina”, poiché in prossimità era stato individuato uno scarso filone aurifero, indicato con questo toponimo.

Esaurita la fonte di approvvigionamento, l’impianto venne chiuso nell’immediato dopoguerra e la teleferica fu interamente smontata, come la linea. Ai tempi dei lavori vi erano impiegati mediamente una decina di minatori e altrettanti operai nello stabilimento. L’attività in galleria e per il trasporto veniva svolta senza soluzione di continuità, anche nei mesi invernali. 

Val Sesia: i mulinetti per il trattamento del minerale aurifero.Nel ripido canalino sottostante il valico esiste ancora l’imbocco di una galleria che fuoriesce sul versante della Valle Moriana, ma che risulta inagibile anche per l’accumulo del ghiaccio che vi permane pure nella stagione estiva. A destra del sentierino è visibile un locale che conteneva i compressori alimentati da una linea elettrica palificata; l'immagine soprastante mostra invece gli "antichi" e famosi mulinetti tipici di questa zona. Proseguendo nella discesa si incontrano i ruderi delle baite che fungevano da ricovero per i minatori: una valanga le ha distrutte nel 1951. Poco sotto, a 2020 m. c’è l’Alpe "Quarazzola di sopra". Sulla destra un breve canale porta all’intaglio del "Passo dei Cento Passi" che immette nell’alta Valle Moriana. Il toponimo, di uso strettamente locale, indica la breve distanza per raggiungerlo. Sulla sua parte superiore si erge una gobba rocciosa, denominata "Giardino dei camosci" poiché costituisce il ricovero sicuro per gli ungulati, dato che per raggiungerlo è necessario percorrere un impegnativo itinerario alpinistico. Sul versante opposto è visibile invece l’intaglio roccioso del cosiddetto "Passo del Buco" che mette in comunicazione con il versante dell’Alpe Montevecchio, dove sono stati pure operati dei sondaggi auriferi e ne rimangono le tracce. Continuando la discesa si lascia sulla destra l’Alpe "Quarazzola di sotto", 1635 m. I due alpeggi erano inizialmente proprietà della famiglia Bentivoglio di Cimamulera (frazione di Piedimulera), che li scambiò poi con gli alpeggi della famiglia Morgantini la quale li affittò infine a Bortolo Vittoni di Fornarelli (Macugnaga). Gli alpeggi, sfruttati con una quindicina di mucche, furono definitivamente scaricati alla fine degli anni ’40. Entrati nel bosco di conifere e di latifoglie (fra cui alcuni maggiociondoli), si scende nel fondovalle della Quarazza e, attraversato un ponticello sul torrente principale, si arriva alla Città Morta, o Crocette. Il vecchio toponimo walser è Zer Marnai (in walser Marnai significa termine, cippo di confine: quindi "Al cippo di confine"). Crocette deriva dalla presenza di alcune piccole croci in ferro, di fianco alla strada, a valle della località. "Città Morta" è più recente, ma è il toponimo più in voga; l’ha attribuito alla fine degli anni ’60 una turista, Francesca Zanardi, osservando gli edifici della miniera abbandonata. La residenza del direttore della miniera è stata trasformata in baita sociale dal CAI di Piedimulera. Del grande stabilimento di lavaggio dell’oro rimane soltanto il cadente corpo inferiore. Negli anni ’60 vi campeggiava ancora la scritta "quella dell’oro". La zona è stata oggetto di parziale chiusura a causa della presenza dell' arsenico che veniva utilizzato per la produzione finale dell’oro.

Una strada sterrata a traffico limitato conduce in poco meno di 2 km al Lago delle Fate, bacino artificiale di decantazione delle acque provenienti in galleria dal torrente Anza e dirette, sempre in galleria, ad alimentare la centrale idroelettrica di Ceppo Morelli. Nel 1952 la costruzione dell’invaso ha cancellato la maggior parte delle baite dell’antica frazione di Quarazza (in walser Kratz o Kratzu), 13O9 m, che era abitata da quattro famiglie. Nel periodo seguente all’8 settembre 1943 questo piccolo abitato marginale costituì un importante centro di smistamento per gli ebrei, per i militari anglo-americani e per i perseguitati politici che dal Piemonte nord-orientale, come dalla Lombardia, venivano accompagnati dai "passatori" all’elvetica "frontiera della libertà" attraverso il Passo di Monte Moro. Una curiosità: la foto qui sopra mostra la frazione di Quarazza prima ancora che si costruisse la diga con relativo invaso di cui sopra.

A Quarazza parte il “Sentiero naturalistico del Monte Rosa”, realizzato dal CAI Macugnaga insieme alla Socieà dei cacciatori, al Soccorso Alpino e alla Società delle funivie. In due tappe l’itinerario raggiunge il rifugio Zamboni-Zappa, ai piedi della parete Est del Rosa, e percorre l’intera testata della Valle Anzasca, in gran parte tutelata da oltre quarant’anni come "Oasi faunistica". Per raggiungere Macugnaga, da Quarazza la sterrata lascia a destra la frazione di Motta e cala a Isella, 1226 m, (antiche abitazioni in legno), posta a 1 km da Staffa, centro del Comune di Macugnaga. Prendendo a destra, un ripido sentiero scende invece un po’ più a valle, alla frazione Borea, 1195 m, prima della quale sulla destra si può visitare la miniera aurifera della Guja, aperta ai turisti (per visite guidate).

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.