Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

il Raduno a Pasquetta

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Pagine che riportano la descrizione di alcune edizioni ormai trascorse del noto raduno tra cercatori d'oro; si svolge quasi ogni anno, nella giornata di Pasquetta.

 
   

 

A CURA DI ANDREA MATHIS.

 

     
   

PASQUETTA CON I CERCATORI  D’ORO

(Manifestazione tradizionale aperta a tutti)

 

"Quest'anno (2008) a Predosa si è svolto sia il consueto raduno tra cercatori d'oro che il dott. G. Pipino organizza da molti anni e del quale questo è un resoconto gentilmente preparatomi da Andrea Mathis, che vi ha partecipato, sia un altro raduno (pochi mesi dopo e sempre organizzato dall'illustre geologo).

A dispetto delle incerte previsioni meteo che volevano l’alternarsi di nubi e piogge tra la Liguria ed il basso Piemonte, la giornata è stata ottima, anche se all’insegna delle temperature ancora un po’ invernali. Ma ci vuole ben altro per scoraggiarci! I volti dei personaggi noti erano quasi tutti presenti, ed anche se quest’anno la manifestazione ha avuto luogo in forma ufficiosa, anziché nella solita "veste" ufficiale, il dott. Giuseppe Pipino ha accolto, come al solito, tutti gli amici che hanno potuto partecipare a questo incontro annuale che riunisce i vari appassionati della ricerca dell'oro di ogni dove.

Sede raduno annuale cercatori d’oro e vasche per il lavaggio delle sabbie aurifere; a destra un separatore di magnetite prelevato dal dott.Pipino nella cava Portauova. Foto Mathis.

La giornata ha avuto inizio con i consueti lavaggi delle sabbie aurifere messe a disposizione dal dott. Pipino e dalla Associazione Naturalistica Val d’Orba.

Dopo una adeguata pausa pranzo, nella quale sono state messe a confronto le varie esperienze (e campionature raccolte qua e la), la giornata è proseguita all’insegna del bel tempo e dei lavaggi auriferi, sino ad esaurimento delle sabbie messe a disposizione.

Purtroppo, forse un po' a causa della forma un po' "ufficiosa" e quindi non sufficientemente pubblicizzata, o forse a causa dell’incertezza meteo, fatto sta che quest’anno non è stata però fatta la pesca dell’oro nell’Orba, anche perché, probabilmente per i motivi suddetti, gli amici intervenuti si sono limitati ad una decina (pochi ma buoni s’intende!!). Ed anche se quest’anno le sabbie aurifere non sono state generose come l’anno precedente, i cercatori intervenuti non sono certamente andati via a mani vuote.

La fotografia qui a lato invece, ci mostra

un particolare dell'analoga manifestazione avvenuta qualche mese dopo, col cercatore Davide e sue relative campionature d'oro, trovate nei vari fiumi, e che giustamente conserva in fialette ben distinte e separate. A proposito di Davide merita inoltre sicuramente segnalare la batea concentrica che si è auto-costruita.

Al prossimo raduno dunque cari cercatori (anche se secondo me ce ne vorrebbe uno semestrale), e che le vostre batee siano sempre piene (non di sassi)!!!"  

 

Vasche per il lavaggio delle sabbie aurifere

 

                                           Predosa 24 marzo 2008

                                                                                       Andrea Mathis

 

 

 

INFORMAZIONI STORICHE SULL' ENTE ORGANIZZATIVO.

L’Associazione Storico-Naturalistica della Val d’Orba venne formalmente costituita il 3 aprile 1987 a Predosa con lo scopo "...di raggruppare tutti coloro che si interessano del minerale oro a scopo di studio e di ricerca, e che intendono la sua raccolta come hobby naturalistico, nel pieno rispetto della natura e dei diritti altrui". La costituzione avvenne nel neo-allestito Museo Storico dell'Oro Italiano, gestito dall'Associazione, presso il quale iniziò subito una intensa attività culturale.  Come da Statuto, infatti, l'Associazione "...promuove iniziative dirette alla conoscenza e valorizzazione naturalistica dell'Orba e degli altri fiumi auriferi, con spirito di tutela ecologica dell'ambiente naturale e di salvaguardia della secolare attività di pesca dell'oro; fa opera di divulgazione teorica e pratica degli aspetti storici, scientifici e pratici connessi alla presenza e alla raccolta artigianale e amatoriale dell'oro in Italia; organizza gare, mostre, conferenze e altre iniziative inerenti all'oro". Vennero subito organizzate conferenze, escursioni, manifestazioni sportive e mostre in varie parti d'Italia. Grazie all'attività dell'Associazione il Museo assunse presto importanza e notorietà sia in campo nazionale che internazionale: ha infatti collaborato con alcune Università italiane e straniere (Torino, Genova, Pisa, Urbino, Ginevra), con il Politecnico di Torino, con quello di Madrid e con altri enti pubblici e privati.

Nel 1988 l 'Associazione si unì con sodalizi analoghi di varie parti d'Italia a costituire la FEDERAZIONE ITALIANA CERCATORI D'ORO, la cui sede legale venne stabilita proprio nel Museo di Predosa. Con la Federazione si iniziò ad organizzare l'annuale Campionato Italiano Open (aperto agli stranieri) e altri appuntamenti locali e regionali: nel 1997 organizzarono assieme anche il Campionato Mondiale a Vigevano.

Agli inizi del 1997, dovendosi provvedere alla ristrutturazione del centro sociale di Predosa, il Museo e l'Associazione si trasferirono a Silvano d'Orba, in locali messi a disposizione dal dottor Pipino (nella foto), fondatore del Museo e Consigliere Scientifico dell'Associazione, e l'attività riprese intensamente.  Nella nuova sede del Museo e nel vicinissimo torrente Piota venne trasferito l'ormai classico appuntamento “Pasquetta con i Cercatori d'oro”, che apre la stagione, e qui vennero organizzate varie manifestazioni, tra le quali il Campionato Italiano Open 1997 che vide la partecipazione di appassionati provenienti da tutta Europa, oltre che dall'Australia, i quali tutti poterono visitare gratuitamente la raccolta museale ed essere accompagnati da membri dell'Associazione in escursioni ai fiumi auriferi e alle Miniere d'0ro dell'Ovadese.

Il 12 dicembre 1999 vennero apportate lievi modifiche allo Statuto, in particolare venne accentuata l'attività di gestione del Museo Storico dell'Oro Italiano ed evidenziate le finalità di tutela ambientale, in quanto era iniziata una intensa industrializzazione della valle del Piota e della bassa Val d'Orba, con conseguenti problemi di inquinamento.  Nel corso del 2001 il Museo trasferì la sua sede a Lerma, nell'edificio della ex scuola elementare messo a disposizione dall' Amministrazione Comunale e qui l'Associazione iniziò subito la propria attività, ma, a seguito del completo disinteresse del Comune, dovette abbandonare i locali.  Attualmente è in corso il trasferimento nella nuova sede messa a disposizione dal comune di Predosa.

Fra le iniziative dell'associazione e del Museo, oltre al tradizionale incontro di Pasquetta e all'organizzazione di vari Campionati, manifestazioni che hanno avuto grande successo e risalto, va segnalata la pubblicazione del volume di G. Pipino “Le Valli dell'Oro. Miscellanea di Geologia, Archeologia e Storia dell'Ovadese e della Bassa Val d'Orba” che condensa tutte le conoscenze acquisite, nel corso degli anni, di quest’area aurifera altrimenti poco nota, e poi la pubblicazione del volumetto “Le miniere d'oro delle valli Piota e Gorzente” pubblicato in collaborazione con il  Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo.

Per informazioni Tel. 0143 882289 – Cell. 339 2656342
                          E-Mail : info@oromuseo.com

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

il raduno del 2014
il raduno del 2015
il raduno del 2016
il  raduno del 2017

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.