Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Descrizione di Gita

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

...ormai è diventata una meta fissa: in 20 giorni ci sono tornato tre volte...

 
 

Pagina a cura di Gianfranco (VC)

 
 

E’ prevista l’ennesima domenica di bel tempo, l’ultima di questa estate 2007. Questo pomeriggio, anche mio figlio dodicenne ha deciso di accompagnarmi. Dopo pranzo, si parte. Da Vercelli ci vuole poco più di un’ora per raggiungere la frazione di Arbaz, che, penso, tutti i visitatori di questo sito sappiano dove si trovi. (Fate attenzione che l’ultima volta che sono passato da Challand, per risalire verso Arbaz, cartelli indicavano che dal giorno 25 settembre, la strada sarebbe stata chiusa fino a fine lavori di sistemazione della carreggiata). Superata la frazione, al primo tornante lasciamo la macchina in quel piccolo slargo posto sulla destra, proprio sotto il famoso cartello blu che indica la presenza delle nostre miniere. Da lì si prosegue a piedi sulla strada poderale che si addentra nel bosco. Il suo primo breve tratto è ripido, ma poi prosegue più dolcemente, per diventare pianeggiante. Proprio dove il tratto si fa pianeggiante e curva sulla sinistra, si arriva in un punto protetto sul suo lato destro da un parapetto in legno: qui, in lontananza, si possono notare sull’angolo della montagna, alcuni dei  resti delle strutture delle miniere di Bechaz. Procediamo: il posto è veramente particolare, al di là del fascino che può dare la ricerca delle miniere si possono godere anche  particolari sensazioni di tranquillità. Se si riesce a proseguire in silenzio è facile individuare scoiattoli che si spostano da un albero all’altro. Per ben due volte, non in questa occasione, ma durante le precedenti escursioni,coppie di stambecchi o appartenenti alla loro famiglia mi sono passati a pochi metri di distanza. Ma torniamo alle nostre miniere, sì, perché questo pomeriggio lo scopo é proprio quello di arrivare alle miniere di Bechaz. La poderale, qui praticamente in piano, giunge ad un bivio dove due piccoli cartelli gialli indicano le direzioni. Noi imbocchiamo la biforcazione  che scende a destra. Pochi metri, una curva ancora sulla destra e si prosegue sul sentiero che da quel punto diventa particolarmente ripido (in discesa). Non si può sbagliare, si procede sino ad arrivare in un posto ove, in uno slargo, sulla sinistra, sono accatastati molti tronchi tagliati. Il sentiero principale, quello che abbiamo seguito fino a questo momento, prosegue curvando Anche in questa occasione non si può sbagliare, basta seguire il sentiero, comunque ben visibile. Si procede, ad occhio, poco più di 200  metri e Attenzione a questo pozzo a cielo aperto situato proprio di fianco al sentiero principalefinalmente i primi segni dell’impianto minerario di Bechaz. Un pozzo, immediatamente a sinistra del sentiero e segnalato da un paio di nastri, come quelli che si usano nei cantieri. Finalmente ….. ma subito bisogna fare attenzione!! Per prima cosa intimo a mio figlio di non oltrepassare quei nastri. Infatti, il pozzo (foto a lato) è praticamente verticale, inaccessibile, se non con adeguati equipaggiamenti particolari e soprattutto tanta esperienza. Mi avvicino e, allungando un braccio, scatto una foto nel buco. Poi è inevitabile giocare un po’ con l’eco prodotta dal pozzo. Ma quanto sarà profondo?

La voglia di lanciare un sasso all’interno è forte, ma nel contempo mi chiedo: se un temerario si trovasse in escursione là sotto? Lasciamo stare e proseguiamo per il sentiero. Poco distante c'è un altro ingresso (foto a lato, se mi clicchi ne vedi i primi metri), questa volta quasi in piano ed  in parte ostruito da terriccio proveniente da sopra. (Nota di Z.G. si tratta del travers banc n° 2). Anche in  questo caso scattiamo alcune foto. Alzando lo sguardo vediamo che sul pendio soprastante, si notano le classiche tracce di discarica: probabilmente in quella direzione, risalendo la stessa, si trova un altro pozzo o una galleria (Nota di Z.G. sì, lì sopra c'è il travers banc n°3), ma preferiamo continuare sul sentiero che è pianeggiante. Camminiamo ancora per alcuni metri e ci troviamo davanti ad un altro ingresso. Ma no, questa volta non è un ingresso, bensì una struttura ricavata nella roccia e che forse, nei tempi addietro, veniva usata come ricovero per gli attrezzi o qualcos'altro. Poco più in là si trova una  Cliccami per vedere i primi metriporta. Questa sì che è "La Miniera": se non mi sbaglio, è l’ingresso che riguarda il filone n°3. Ci infiliamo per pochi metri, scattiamo una foto: La curiosità è tanta, ma non ho portato torce e quant’altro "apposta", cioè per non farmi tentare!! Per avventurarsi lì dentro (foto a lato) è sicuramente indispensabile almeno un minimo di attrezzatura e, forse per una tranquillità ulteriore, non sarebbe male una guida, una persona con esperienza, che magari abbia già visitato questi posti che sono tanto affascinanti quanto imprevedibili. Il nostro obiettivo, in fin dei conti lo abbiamo raggiunto, ovvero trovare la miniera. Però disponiamo ancora di un po’ di tempo a disposizione. Un martelletto e uno scalpello, tuttavia, li avevamo portati, quindi proviamo a rovistare nel materiale delle discariche antistanti gli ingressi delle miniere. Qualche piccolo cristallo e alcuni cubetti di pirite sono sufficienti per accendere l’entusiasmo di mio figlio. Adesso è proprio ora di tornare, e…. di ricordarci che al ritorno quella ripida discesa diventerà una ripida salita!!!

                                                        Gianfranco da Vercelli                   

 
 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.