Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Le canalette di Frenk

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

 

 

 

 

Sequenza di pagine descriventi le canalette che Francesco Di Maria si è auto costruito.

 
 

MISURE E MATERIALE NECESSARIO:
 

1) Fondo portante di tutta la canaletta : compensato spesso 1,5cm - lungo 71cm e largo 30cm.

 

2) Sponde per incanalare l'acqua: Lunghezza 72.3 (o per lo meno uguale a quella del fondo portante), spessore 1,3 cm. e altezza 11 cm.

 

3) Ripiano per versarvi il materiale da lavare: lunghezza 28 cm nel senso della corrente, larghezza 30 cm e spessore 2 cm (questo durante la costruzione verrà posato sulla base di montaggio)

 

4) Intervallo tra le 5 scanalature: per ognuno di questi, 2 listelli di legno, uno rettangolare (quello a monte)  E UNO A FORMA DI TRIANGOLO!! (quello a valle e grazie al quale si otterrà appunto l’angolo rientrante “a cascata” nel gradino che segue). Entrambi saranno di 30cm ( ovviamente come la larghezza della base di montaggio e consiglio anzi vivamente di lasciarli 1 millimetro in piu cosi da poterli incastrare per bene tra le sponde onde evitare di lasciare spazi vuoti anche di pochi millimetri) e larghi nel senso della corrente, il primo 2.3cm e quello a triangolo 1.5cm, ottenendo così in totale 3,8 cm circa. P.S. se si riuscisse invece a trovare un unico listello di misura adeguata e già con l'angolo si avanzerebbe tempo nel montaggio; idem dicasi per un listello a sfaccettature semplicemente verticali, ma in questo caso si perderebbe la conosciuta utilità (ma non indispensabile) dell’angolo rientrante. Qui sotto, schizzo schematico di canalina vista di profilo: l'acqua vi scorrerà da sinistra verso destra.

 

PROFILO DI CANALETTA: SI CONSIDERI CHE LA CORRENTE PROVIENE DA SINISTRA

 

    COSTRUIRLA:

La struttura portante, cioè il ripiano di base su cui costruiremo tutta la canaletta dovrà essere robusto ed a tal proposito va benissimo del compensato spesso circa un centimetro mezzo. La masonite a tal scopo non va bene perché oltre ad essere fine e quindi rompersi e rovinarsi, a lungo andare si disfa come il cartone: anche il compensato è fatto a strati, quindi col rischio di sfogliarsi, ma se ne prendiamo uno a strati spessi siamo a posto. Lunghezza (71 cm) e larghezza (30 cm) corrisponderanno dunque alle misure della canaletta che intendiamo realizzare in questo caso. Per quanto riguarda le sponde verticali laterali va ad es. bene uno spessore di 1,3 cm e saranno ovviamente lunghe quanto il ripiano stesso, o poco più; la loro altezza complessiva l'ho fatta di 11 cm.
La lunghezza della canaletta, misurata dal margine inferiore del ripiano ove viene messo il materiale da lavare, sino al punto estremo di uscita dell’acqua  e riferendosi dunque al suo reale tratto utile alla scansione del materiale, sarà di 63 cm e questo è appunto lo spazio dove realizzeremo la nostra "scaletta" costituita da solchi  intervallati dai corrispettivi ripiani. Detti solchi saranno in questo caso profondi 1,3 cm e nel senso della corrente larghi 3,5cm, misura quest’ultima all'incirca analoga a quella, come già visto, dei ripiani (intervalli) da interporre tra un solco e l'altro; tutto questo per i primi tre solchi e ripiani a partire da monte, mentre gli ultimi due solchi verranno fatti un po’ più ampi (rispettivamente 4,5 e 5 cm).
 

A monte di tutto questo c’è ovviamente lo spazio liscio su cui verrà versato il materiale da lavare (foto a lato con in evidenza il vinavil atto a riempire gli interstizi laterali) e che realizzeremo posando ed incollando sulla struttura il ripiano del punto 3 (vedi sopra). Ovviamente la superficie di detto ripiano iniziale dovrà corrispondere, cioè essere assolutamente "in bolla" con il livello di superficie di tutti gli spazi interposti tra i solchi.

 

ALCUNI CONSIGLI:

 

La colla. Il Vinavil conviene metterlo cosi com'e, senza diluirlo ulteriormente, anche perché la prima volta che si userà la canaletta, se lo si avesse diluito questo tenderebbe allora a disciogliersi ancor più. Inoltre, quando si devono unire dei pezzi bisogna spennellare un velo di colla su una delle parti, e neanche tanta perché sarebbe superfluo.

Irrobustirla. Per rendere stabile canaletta e sue sponde consiglio di fissare sotto alla medesima 3 listelli (traverse) disposti orizzontalmente e distribuiti all'inizio, metà e fondo: questi servono a tenere in quadro tutta la struttura. Per eseguire bene questa operazione procedere dapprima prima  con chiodi (se servono) e colla, quindi bloccare il tutto con delle morse da falegname o con grossi elastici tipo vecchie camere d'aria delle biciclette tagliate a strisce ecc. che avvolgano fortemente la struttura (vedi anche nota a piè di pagina).

Impermeabilizzarla. Volendo si potrebbe anche usare del Turapori  e successivamente il Flating, prodotti specifici per impermeabilizzare il legno rendendolo più duraturo nel tempo, ma personalmente consiglio di mettere invece su tutta la canaletta un sottile velo di vinavil, che costa anche meno. 

 

CANALETTA O SCALETTA PER ORO

 

Francesco Di Maria

 

NOTA DI: su alcune canalette dai fianchi particolarmente alti, ho visto applicati tali listelli sopra alle sponde: in pratica delle traversine, due max. tre, disposte da sponda a sponda; si tenga però presente che in tal caso i fianchi devono essere sufficientemente alti da far sì che la corrente d'acqua non vada mai ad incocciare contro le traverse.

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Canaletta con Spia
Canaletta ristretta

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.