Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Veneto e Trentino

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

In questa pagina ho raccolto alcuni indizi tratti dai dialoghi che fate nel mio Gruppo FB; il motivo di questo sta nel fatto che in facebook i post "scorrono" quotidianamente via via che vengono aggiunti quelli nuovi, con la conseguenza di diventare quasi introvabili o di non facile accesso a chi non è pratico. Qui, invece, rimane tutto fisso, ben visibile, ragion per la quale ogni tanto vi copio alcuni dei dialoghi che mi sembrano utili o interessanti.

 

D. Alessandro R. Ciao a tutti ... Qualcuno sa se in trentino c'e' qualche posto interessante in cui cominciare la ricerca?


R. Osmium O. Beh c’è la zona di Primiero col Cismon, la Valsugana da provare, il Mis a Sagron-Mis, il torrente Fersina in Valle dei Mocheni e l’Adige, ma per come la vedo io, considerando i permessi necessari in Trentino per la ricerca dell'oro, ti conviene passare il confine e cercare in Veneto sul Brenta, Cismon e Mis (... meno rotture); sennò in Lombardia, se ti è più vicina. Oppure, se vuoi, fatti il permesso così sei più tranquillo e te ne puoi stare in Trentino.

R. Andrea P. Nel Fersina c'è oro.


D. Fabio B. del Fersina avevo sentito parlare anch'io, ma qualcuno ha fatto campionature attendibili e che si possano vedere? Non importa che siano poche scagliette, ma occorrono certezze.


R. Osmium O. a Fabio B. Si, ci sono, non le ho io, ma diversi cercatori si son cimentati sul Fersina con risultati discreti; però per conto mio altri corsi d’acqua del nord-est son ben più promettenti.


R. Andrea P. Questa è una campionatura originale del Fersina (foto a seguire).

 

Oro del torrente Fersina, un esempio.

Esempio di oro del torrente Fersina


D. Claudio C. Mi sto appassionando alla ricerca di oro alluvionale. Io abito a Padova e vorrei chiedere se qualcuno sa quali possano essere fiumi o torrenti nella mia regione (o in Friuli e Trentino) che hanno potenzialità di oro alluvionale.
Ringrazio fin d' ora chi mi potrà fornire alcune informazioni. Grazie mille.

 

R. Morris L. Io proverei nel Brenta.

 

R. Osmium O. Beh, per esperienza personale meglio il Veneto per iniziare, soprattutto per il discorso di assenza di permessi necessari, e visto che sei di Padova il Brenta è il fiume giusto; in più iniziare dal Brenta nel quale è ormai assodata la presenza di oro e di dimensioni ragguardevoli per la zona (anche oltre i 2 mm, pur se raro), è ottimo per iniziare perché si capisce meglio come si distribuisce l’oro nella barra fluviale. Inoltre ti consiglio da Tezze a Bassano perché sotto Tezze c’è ma è molto fine e per uno alle prime armi è meglio trovare qualcosa di più "grosso", anche per capire se utilizza la batea nel modo giusto.

 

D. Roberto. ... volevo sapere se nei corsi d'acqua veneti si può trovare qualche pagliuzza d'oro.

 

R. Davide. Nel Brenta so di rinvenimenti...

 

R. Hirpinus. Anch'io ho notizie del Brenta come possibile fiume aurifero. Il guaio è ... dove cercare? Percorrendolo ho notato che è particolarmente "umanizzato", essendo imbrigliato e "addomesticato" in molti punti con sbarramenti in cemento ecc. Quindi si dovrebbe cercare a monte, magari in qualche suo tributario. Un altro corso d'acqua potenzialmente aurifero è il Bacchiglione (ma anche in questo caso, quale tratto? boh!).

 

D. Niccolò. Volevo chiedere se sul fiume Brenta c'è qualche possibilità di trovare oro, oppure no?

 

R. Massimiliano V. Io ho sentito che qualcuno ha trovato un grammo di oro in tutto, la zona precisa non la so, comunque da Nove in giù. Se vuoi provare il Cismon che è un suo affluente dovresti trovarne (...), al momento ho trovato solo magnetite.

 

R. Riccardo S. Ho letto qualche tempo fa in un blog di un cercatore che nella zona di Fontaniva aveva trovato 2 grammi (con relative foto).

R. (aggiunta da Z.G). Christian C. comunica di aver trovato oro (foto qui a lato) nel torrente Maso, affluente del fiume Brenta (Trentino Alto Adige).

 

.... Morris L. Qualcosina si trova anche in Trentino, nel mio caso in zona Valsugana.

 

D. Nicola M. Ho provato 5-6 volte in differenti fiumi-torrenti in Trentino ma risultato zero di zero. Ci sono persone che cercano in Trentino? Giusto per capire se sono io che non sono capace di setacciare o se sbaglio zone; tra l'altro ho sentito dire di gente che vi ha trovato oro alluvionale, anche se in piccole quantità! Io  l'ho cercato su Adige e Leno.

 

R. Giovanni S. Sull'Adige non ne ho mai trovato, ma ho un amico che "decanta" di averne trovato un po’, anche se (giusto per capirci) ... ha la sindrome del pescatore...

 

R. Nicola R. Trovate ieri solo con batea, torrente Avisio in Val di Fiemme (foto a lato).

 

R. Edoardo B. Io abito vicino Este (Padova), e analizzando la mappa dedicata alle zone aurifere, il Po dovrebbe averne fino all'altezza di Ficarolo, il quale è in provincia di Rovigo. La mappa è quella che c'è su zappetta gialla.

 

R. di Z.G. a Edoardo B. Sì, però riguardo il Po va precisato che a un certo punto più ci si allontana dalle sue origini (quindi dirigendosi a Est) più il suo oro diventa "fino" (piccolino) indipendentemente dal numero dei singoli campioni trovabili.

 

D. Cristiano S. Ho fatto 5 prospetti nel torrente Gordana a Noce, frazione di Zeri, e una volta individuata un'ipotetica punta vi ho trovato molto quarzo e pietre con venature di ferro, per cui mi aspettavo di trovare almeno sabbia ferrosa ... e invece niente (o meglio, la calamita pescava/attirava "sassolini", non sabbia). Possibile che il torrente sia privo di sabbia nera nonostante le pietre ferrose? O semplicemente, le quantità sono talmente basse, che serve la canalina per poter certificare la presenza o la mancanza di oro o almeno sabbia nera nel torrente?

 

R. di Osmiun O. Per farti un esempio, sul Brenta per avere 10 grammi di magnetite bisogna passare in canaletta sui 20 secchi, ma rimane anche mezzo bicchiere come volume di sabbia nera che però è composta soprattutto da solfuri e in minor parte da zirconi e granati; oppure sul Mis, sempre qua in Veneto, il concentrato è rosso, ma è pur sempre pochissima roba in confronto a quel che si trova in Piemonte, e in ogni caso la sabbia nera va presa solo come indicatore sulla quantità di materiale pesante sul punto in cui si sta scavando, ma la massiccia presenza di sabbia nera non garantisce né pregiudica sempre la presenza o meno dell’oro.

Risultato immagini per trentino alto adige cartina

Una cartina che mostra alcuni fiumi o torrenti del Trentino.

 

 

 

 

NOTA DI Z.G. Si tratta di domande e risposte ecc. che ho riportato NON concentrandomi sempre su un preciso periodo di tempo, bensì le ho selezionate di tanto in tanto e poi raccolte qui in base ai contenuti, cercando infine di riordinarle razionalmente (spesso indipendentemente dalla loro sequenza originale) per dare "sostanza utile" e risposte informative al tutto. Riguardo il cognome delle persone che hanno partecipato a questo scambio d'idee, ne ho riportato intenzionalmente solo l'iniziale e questo nel rispetto della loro privacy ecc. ma se qualcuno delle medesime preferisse vederlo riportato per esteso, gli basterebbe comunicarmelo e provvederei senz'altro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Veneto cartina
Bacino Brenta ecc.

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.