Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Articolo su Stockalper

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Sezioni principali di questo Sito:

Miniere d'Italia

La Valle d'Ayas

Giuseppe Pipino

Il deposito di oro alluvionale italiano

Italia fiumi con oro

Imparare a cercarlo

Attrezzi necessari

Pulizia dei minerali

E' oro? e tipi di oro

Le Leggi sulla ricerca

I cercatori d'oro

Storia oro Italia

I minerali in genere

Club, gare e mostre

Pagina guida per ricerche scolastiche

Oro nel mondo

I vostri racconti

Collaboratori e corrispondenti

   

Il testo e le fotografie di questa pagina costituiscono la parte mineraria di un bell'articolo apparso sulla rivista Le Rive (bimestrale di cultura e ambiente, ed. Press Grafica - Gravellona Toce, VB) inviatomi dall'autore stesso dopo scambi informativi sull'argomento e in seguito messomi a disposizione  in via del tutto eccezionale per questo utilizzo, perché altrimenti tutti i diritti sono riservati.

 

 

                                  Le miniere d’oro di Stockalper.                       

 

                                                                             A cura di Guido Legnani

 

 

La storia di Stockalper è legata anche all'oro; le viscere delle montagne della Valdivedro, per la precisione quelle che appartengono alla Zwissbergentall (o val Vaira), la valle che si apre di fronte a Gondo in direzione sud, nascondevano rocce aurifere in quantità tale che si ritenne opportuno scavare e aprire delle miniere per l’estrazione, e il barone Stockalper non si tirò indietro dall’opportunità di trarre un guadagno dalla possibile estrazione del prezioso metallo giallo. Tuttavia la storia delle miniere di Gondo risale all’epoca dei romani. Sembra infatti che essi intrapresero degli scavi nella Zwissbergentall proprio per cercare l’oro. I primi documenti ufficiali della ricerca dell’oro risalgono comunque a molto più tardi, al 1550.

Circa un secolo dopo, Kaspar Stockalper, con l'uso di comuni martelli diede inizio alla propria attività di estrazione di oro. Fu per merito suo se la miniera d'oro vide il massimo splendore tra il 1660 e il 1691. Poi smise di funzionare nel 1897. Ma prima di quella data trascorse un arco di tempo durante il quale in Svizzera si visse una vera e propria febbre dell'oro. Questo si verificò nell’ultimo quarto di secolo dell'Ottocento.

La miniera aurifera di Gondo, dal 1874 in poi venne gestita dalla "Société anonyme des Mines d'or" di Parigi che, a caro prezzo, ne acquistò una legale concessione amministra- tiva. Non solo: i nuovi imprendi- tori investirono ingenti capitali nelle attrezzature e nell'ampli- amento dei cunicoli che già esistevano; si costruirono anche stabilimenti, una fonderia, delle abitazioni e baracche per i minatori. Furono pure installate alcune funicolari adibite al trasporto dei materiali.

All'inizio il lavoro nelle miniere venne avviato con un centinaio di operai; in seguito, con il crescere dell'attività il numero degli addetti aumentò fino a cinquecento unità.

Si estraevano in media, ogni giorno, circa sei tonnellate di minerale per poi estrarre da ognuna di esse 40 gr. di oro.

Nel 1897 il contenuto d'oro si ridusse in modo notevole con la conseguenza che le estrazioni non rendevano più e la società fallì. Negli anni a venire furono eseguite delle indagini tecniche per vedere se ci fosse ancora materiale aurifero ma ognuna di esse, l'ultima delle quali nel 1980, diede esito negativo. La miniera perciò non venne mai più riaperta.

Anche per la miniera aurifera della Zwissbergentall, Kaspar Stockalper aveva individuato la

PANORAMICA CON LA TORRE STOCKALPER

 

GONDO

 

UN INGRESSO DELLA SWISSBERGENTALL

 

NELL' INGRESSO DI CUI SOPRA

 

torre di Gondo (vedi prima foto in alto) quale sede centrale eamministrativa. Costruita su più piani esplicava al meglio le

Le fotografie sono di G. legnani; un particolare ringraziamento al sito web di Zappetta Gialla (www.minieredoro.it) per le notizie sulla miniera di Gondo.

sue funzioni. Oggi la torre, ben restaurata, mostra ancora gli ambienti di un tempo. Al suo interno, su due piani, è allestito un museo dedicato all’estrazione e alla lavorazione dell’oro. L'esposizione è stata aperta al pubblico nel 2009; è visitabile durante gli orari di apertura dell’Hotel.

L’esposizione consta di una serie di modellini in scala riproducenti le macchine e le apparecchiature che si utilizzavano per ricavare l’oro dal materiale rinvenuto in miniera. Si tratta di macchine azionate dall'acqua corrente, costruite in loco, nei pressi dell'imbocco della miniera, per frantumare, macinare e selezionare il materiale che veniva estratto.

Sempre nel museo sono inoltre esposti alcuni degli antichi attrezzi che venivano impiegati nell'estrazione e nella lavorazione dell'oro: parte di essi sono grossi e robusti, come mazze, pale, tenaglie; altri, minuti, di estrema precisione. Alcuni angoli espositivi illustrano con fotografie e documenti d'epoca come avveniva la lavorazione dell’oro; materiale duttile e malleabile, esso veniva in parte impiegato per fabbricare monete pregiate. Fu soprattutto tra il 1892 e il 1897 che si destinò parte del materiale estratto, che ammontava a circa 33 kg, a questa produzione. Le monete prodotte a Gondo, chiamate GondoGoldvreneli o Gondo-Goldhelvetia, erano caratterizzate dalla lega chiara del metallo e dalla croce svizzera impressa su una facciata. Le statistiche parlano di 29 GondoGoldvreneli prodotte. Interessanti sono i dati relativi alle quotazione di queste rare monete: nell’aprile 2009 una di esse venne quotata a un'asta 68.000 franchi, mentre nel 1999 il Comune di Gondo ne acquistò una per 45.000 franchi.

                                                      

                                                                         Guido Legnani

 

NOTA. Secondo Schoberl (1820), il torrente Vaira (scende da Zwishchbergen), che forma una bella cascata di fronte a Gondo, trasporta delle sabbie aurifere.

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.