Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Stura a Pian Carp.

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

Pagina della sezione Ovadese oro nei fiumi.  Vedi le miniere di questo distretto

 

Itinerario di ricerche aurifere Torrente Stura

 località Pian Carpeneto (AL)

a cura di Franco Priolo

 

Giunti all'uscita dell'autostrada A26, casello di Ovada, si attraversa il ponte sul torrente Stura ed invece di svoltare verso il paese di Ovada, si gira a sinistra per la SS 456 del Turchino. Costeggiando il torrente interessato, si percorrono ancora 4 o 5 chilometri di questa strada che comporta, interposto a due passaggi a livello a sbarre meccaniche, anche l'attraversamento del viadotto con enormi pilastri cilindrici della A26. La strada é "tutta curve", per cui sembra più lunga di quello che é in realtà. Dopo l'ultimo passaggio a livello manca poco alla destinazione: presto sulla sinistra non si sarà più accompagnati dal torrente  e vi sarà invece un gruppo di case, una piccola frazione che si chiama "Panicata Inferiore". Ci si trova ora in un corto rettilineo e, ben visibile sulla montagna boscosa posta di fronte a noi si erge un grande traliccio dell'alta tensione colorato nella parte superiore di bianco e rosso: é questo un importante punto di riferimento perché, terminato il rettilineo con seguente curva (ed avendo quindi adesso il traliccio alla nostra sinistra) si percorrono ancora cinquanta metri ad andatura molto accorta per riuscire ad individuare un cartello indicante "santuario S. Maria dei monti" e una piccola stradina sulla sinistra che imboccheremo. Poco dopo oltrepasseremo un minuto ponticello che attraversa il generoso Stura, subito dopo il quale gireremo a destra per una stradina asfaltata che costeggia il torrente (a sinistra vi é invece un'altra strada, con le indicazioni per Pian Carpeneto).

Stura posti per cercare oro, schizzo DI PROPRIETA' PRIOLO

Da qui in avanti, l'oro "non manca": sia il torrente Stura che i vari ruscelli della zona sono ottimi per la ricerca perché questa é sicuramente una zona che, con la dovuta capacità e fortuna, può dare parecchie soddisfazioni.  

                              

 

Vedi se vuoi la sezione miniere di questo distretto

 
 

GROUPE DE VOLTRI OR – SECTION RIVIERES : OVADESE, VAL GORZENTE, VAL D’ORBA ET LEURS TERRITOIRES (Si vous voulez voir ses mines il ya une section correspondante)..

 

 

                                       Texte traduit par Massimo Salicchi


Itinéraire de recherche aurifère dans le Rio Stura

Lieu Pian Carpeneto (AL)


                                                       édité par Franco Priolo

Arrivés à la sortie de l'autoroute A26, sortir à Ovada, traverser le pont sur la rivière Stura et tourner à gauche à la route 456 du Turchino. En longeant le ruisseau qui fait l'objet de cette recherche aurifère, procéder pour 4 ou 5 kilomètres de cette route et vous traversez deux passages à niveau jeu de barres mécanique et même le viaduc avec d'énormes piliers cylindriques de l'A26. La route est "sinueuse", et il semble plus long que dans la réalité. Après le dernier passage à niveau, nous y sommes presque sur place: à notre gauche il n'y aura plus un ruisseau, mais il y aura un ensemble de maisons, un petit village qui s'appelle «Panicata Inferiore." Nous sommes maintenant dans une courte ligne droite, et sur la montagne boisée en face de nous, nous pouvons voir un grand pylône colorés sur le dessus de rouge et blanc: c'est un point de référence important parce que, quand la ligne droite avec la courbe suivante (et donc le réseau à notre gauche), nous devons continuer à cinquante mètres à une vitesse réduite pour pouvoir voir un panneau qui dit «Santuario di Santa Maria dei monti" et une petite route sur la gauche que nous devons prendre. Peu de temps après le passage d'un petit pont qui traverse la rivière Stura, nous devons nous tourner vers la droite pour une route pavée qui longe un ruisseau (sur la gauche, il ya une autre route, avec les directions à Pian Carpeneto).
A partir de là, l'or "ne manquez pas" : la Stura et les divers courants dans la zone sont bonnes pour la recherche parce que c'est vraiment une zone qui, avec la compétence et de la chance, il peut donner beaucoup de satisfaction.
 

                                       Texte traduit par Massimo Salicchi

 

 

Ce encadré contient seulement le texte principal: pour regarder toutes les photos, cartes, notes qui le concernent et les links menant à d'autres pages, il faut se référer au texte originale dans le haut de cette page.

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.