Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Miniera d'Herin (rame)

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

L'argomento Miniere d'Herin è stato realizzato in stretta compartecipazione tra "Aisna" e l'autore del Sito. Tutta questa pagina descrivente gli esterni, foto inclusse, è tutelata e a cura di AISNA, mentre le descrizioni di gita sono state preparate da altri.

 

 

Per raggiungere il complesso minerario di Herin, una volta giunti a Verres (omonimo casello di uscita sull'autostrada Ivrea-Aosta) e superato il paese mantenendo la direzione per Aosta, dopo poco più di un km. occorre prendere la deviazione a sinistra per Champdepraz ed il Parco Naturale del Monte Avic. Una volta oltrepassato il borgo di Fabbrica ed il paese stesso di Champdepraz, continuare per la stessa strada che si inerpica ora in quota tra continui tornanti. Si giunge così ad un largo curvone/tornante dove sulla destra si nota una stradina asfaltata di recente recante l'indicazione "Crestaz,Cugnon,Losson ed HERIN" ed il cui accesso in  autovettura é vietato ai non residenti.
Per chi non volesse rischiare una possibile contravvenzione e godersi una piacevole gita tra la ricca vegetazione (anche se ora la strada asfaltata deturpa parte del fascino), si può lasciare l'auto nei pressi di detto bivio e proseguire a piedi per circa un'ora: tanto dista l'inizio della stradina dal borgo di Crestaz, località quest'ultima da cui è già ben visibile il complesso minerario (come da foto in alto).
Da qui si prospettano due alternative:
1) Proseguire sulla strada finora percorsa raggiungendo Herin con altri 45 min. 2)Passare dietro la chiesetta che ci accoglie sulla sinistra del nostro percorso e intraprendere un facile sentiero tra faggi e castagni che in circa 30 minuti ci porta ugualmente nei pressi del borgo di HERIN e a 15 minuti dalla nostra meta,raggiungibile con un sentierino ben tracciato e facilmente praticabile.
Il complesso minerario è imponente e suggestivo, i fabbricati per il ricovero dei minatori (foto) e le varie attività minerarie sono ancora in discreto stato conservativo (attenzione e cautela sono sempre d'obbligo quando ci si avvicina o si entra nei fabbricati). Dietro i caseggiati si nota, oltre ad un piazzale con resti di materiale piritoso sparso in ogni dove, l'impianto di partenza della teleferica (foto a pié pagina) atta a discendere il minerale sino alla laveria.
Per quanto riguarda le sue varie gallerie, esse sono raggiungibili salendo in quota tramite il sentiero posto sul retro dei caseggiati già citati ed il quale risale il pendio boscoso indirizzandosi verso la cresta del monte.
Inutile dire dello stupendo colpo d'occhio che si vede dal piazzale o nelle sue immediate vicinanze: siamo di fronte a varie vette (Barbeston ecc.) che delimitano e coronano il confine occidentale del Monte Avic.
Questa vastissima miniera é geologicamente situata nello stessa tipologia delle rocce granatifere che caratterizzano la più nota e non lontana zona di "Bellecombe" (posta quest'ultima di fronte a Saint Vincent) e venne coltivata essenzialmente per il rame ricavabile dalla sua abbondante calcopirite

 
   

In questa foto, la partenza della teleferica, purtroppo  qui poco distinguibile a causa di un alberello (vedi altre foto della teleferica), che portava agli stabilimenti posti "a valle"  il materiale utile da trattare. In fondo si scorge, tra la foschia, sia parte del paese di Verrès sia la Dora Baltea.

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Descrizione di gita 1
Descrizione di gita 2

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.