Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Valganna e Valvassera

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

 

UNA PAGINA A CURA DI

DESCRIZIONE DI UNA GITA ALLE MINIERE DI VALVASSERA, IN VALGANNA (VA).

Paolo corrispondente di minieredoro

Luca corrispondente di minieredoro

 

PAOLO & LUCA "Diggers' seltz".

 

Approfittando dell’apertura della sezione dedicata alle miniere non aurifere, ci è parso opportuno relazionare su una visita effettuata lo scorso anno nelle gallerie (si dice km.5 di sviluppo nel loro insieme) di argento e piombo di Valvassera: il sito è piuttosto interessante.

Novembre 2007, Elena, Luca e Paolo in una assolata e tiepida giornata autunnale. Proveniamo da Varese e, imboccata la SS233 della Valganna in direzione Ganna, una volta superate le famose Grotte (subito dopo le gallerie) e la deviazione per l’Alpe di Cuseglio, poco oltre una curva troviamo sulla sinistra uno slargo con una piccola carrabile asfaltata, sbarrata, che si dirige verso l’interno. Lì parcheggiamo e dopo aver percorso la strada a piedi, in circa 5 minuti giungiamo ad una vasta area destinata a picnic all’interno di un bosco di abeti. Siamo all’interno del Parco del Campo dei Fiori e i cartelli che incontriamo dal parcheggio sino a qui sono utili per chiarire le direzioni da seguire. Il percorso asfaltato (che poi è quello del Giubileo) prosegue sulla destra, noi invece dopo aver dato un’occhiata ai ruderi industriali (vecchi uffici e alloggi della miniera) posti al limite dell’area picnic, la attraversiamo perpendicolarmente e giungiamo nei pressi della vecchia cabina elettrica. Se si segue il sentiero a sinistra si giunge in breve al torrente che scende dalla Val Castellera; bisogna invece dirigersi a destra, oltrepassare la cabina alle cui spalle, immersi nella vegetazione, appaiono i ruderi dei capannoni delle lavorazioni seguendo il sentiero lastricato principale con i suoi tornanti e lasciando perdere quindi tutte le diramazioni che allontanano dalla Val Castellera posta alla nostra sinistra. Questa salita (circa mezz’ora) è completamente immersa in un bellissimo bosco di castagni. Dopo l’ultimo tornante, la diagonale in salita ci porta al limite del bosco su di uno strapiombo che domina, con splendida vista, tutta la valle: lì appena sotto il sentiero si trovavalvassera miniere, un forno FOTO DI PROPRIETA' PAOLO & LUCA il diroccato rudere di quella che forse era la stazione di arrivo dei carrelli provenienti dalle aree di scavo. Il sentiero si fa più piccolo e prosegue più pianeggiante sul fianco del monte costeggiando la valle: si esce dal bosco e ci si trova in terreno misto dove prati, eriche e piccole querce la fanno da padroni. Superati due ruscelli la vegetazione si rifà più alta e fitta, si trova qualche pezzo di rotaia e all’interno del torrente, che ora costeggiamo, si può vedere una specie di grosso imbuto rettangolare abbandonato. Siamo ormai vicinissimi all’ingresso principale della miniera: seguiamo l’acqua del ruscello che scorre libero su di una grossa roccia levigata, incontriamo e risaliamo la discarica per venirci a trovare in una piazzuola. Di fronte a noi una cascatella più o meno ricca di acqua (secondo le stagioni e le piogge), sulla destra i resti di una fornace, a sinistra uno dei due ingressi principali della miniere argento valvassera FOTO DI PROPRIETA' PAOLO & LUCAminiera: dalla fine della salita nel bosco di castagni sarà passata circa un’altra mezz’ora. Passato il ruscello entriamo nella galleria che procede rettilinea per qualche decina di metri per poi ripartirsi in tre direzioni. Di fronte lo scavo termina dopo poco; percorrendo invece la diramazione di sinistra si giunge subito a una fossa completamente allagata oltre la quale si apre il 2° ingresso principale (foto qui a lato); a destra il percorso prosegue inoltrandosi nella montagna. La galleria si presenta ben scavata e agevole, sulle pareti si vedono delle bellissime mineralizzazioni con sfumature argentee e rossastre che brillano grazie a quel poco d’acqua che le ricopre. In fondo al rettilineo, la galleria si slarga e, attenzione!, ci si trova sull’ orlo di un profondo pozzo (m.25 circa): a detta di chi lo ha visitato (ovviamente con attrezzatura speleologica) la parte piùminietre argento valvassera FOTO DI PROPRIETA' PAOLO & LUCA interessante è proprio lì sotto, dove si diramano varie gallerie e si trovano abbandonati e arrugginiti dal tempo, attrezzi da lavoro, scalette, rotaie, carrellini…. Noi, rasentando il pozzo e camminando nel piccolo spazio di terreno che ci separa dalla parete, svoltiamo verso sinistra imboccando il proseguimento della galleria: il tragitto diventa quasi subito difficoltoso per i residui sul terreno, un passaggio inclinato con pali di rinforzo in diagonale e una montagnola di materiale di scarico. Giungiamo così in uno spazio più grande con qualche nicchia posta ai lati; di fronte a noi, forse strisciando fra i detriti, sembrerebbe proseguire la galleria, ma a questa prima indagine il passaggio non ci sembra sufficientemente sicuro, per cui torniamo indietro all’aria aperta. La giornata è ancora lunga e quindi decidiamo argento miniere valvassera FOTO DI PROPRIETA' PAOLO & LUCAdi cercare eventuali altri scavi. Dalla discarica partono tracce di sentiero verso monte che seguiamo fino a quando si perdono nella vegetazione: da qui in poi proseguiamo per prati in salita, verso sinistra, fidandoci solo dell’istinto. In lontananza ci sembra di vedere tracce di una discarica e come una grande ferita nel terreno. Infatti troviamo una grande spaccatura, una specie di pozzo a cielo aperto, sul fondo del quale si intravedono gli accessi di altre gallerie: anche questa è roba però da speleologi! A questo punto decidiamo di iniziare la discesa con l’intenzione di portarci verso l’ingresso allagato della miniera e, quindi, girando verso sinistra. Il terreno è molto ripido e faticoso. Troviamo casualmente un’altra piccola discarica con una galleria accessibile ma che termina dopo pochi metri senza niente di rilevante al suo interno.

Proseguendo (siamo ormai sull’altro versante) ci troviamo di nuovo nella boscaglia, e poi,finalmente, ecco il secondo accesso che cercavamo (quello allagato che avevamo visto dall’interno). Qui riappaiono tracce di sentiero e oltre al piccolo torrente che siamo costretti a superare (sempre andando a sinistra perché da dove siamo non ci è possibile raggiungere la discarica e il percorso principale) troviamo inaspettatamente (non ne avevamo notizia) un sacco di ruderi completamente integrati e nascosti nella vegetazione: uno spettacolo molto affascinante anche grazie alle ombre della sera che inizia ad avvicinarsi. Scendiamo ancora un poco, poi girando verso destra ci veniamo a trovare nei pressi di

Nei torrentelli locali è ormai ben risaputa la presenza di oro (e ancor più nell'Olona che risulta aurifero sino a Milano), cosa motivata da questi stessi filoni; infatti durante il 1500 in questi ultimi vi si estraeva anche oro.

 

quel grande masso levigato, incontrato all’andata, su cui scorre l’acqua del torrente: qui passare dall’altra parte è un gioco da ragazzi e così, poco più a monte del grande imbuto, riprendiamo il sentiero e la strada del ritorno. E’ quasi buio quando siamo all’auto: la giornata è stata splendida e vissuta intensamente, peccato solo non aver visto quello che dicono ci sia in fondo al pozzo. Chissà, magari in futuro…!

                                                                                         Paolo & Luca

 

 

 

 

 

 

 

 

Approfondimenti di questa pagina

 

Accesso Valvassera
altre foto Valvassera
Miniera di Cuseglio

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.