Sito di Zappetta Gialla sull'Oro.

Vai Home page   Vai al Sommario

 

 

E' un Sito sull'oro con centinaia di pagine utili alle vostre ricerche e dispone anche di Facebook per dialogare ecc. Per la Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratis e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti.

Per la Posta particolare, invece, cioè dialoghi privati ed esclusivi con giornalisti, enti, collaboratori scrivetemi qui

IMPORTANTE: se nel vostro schermo la tabella centrale, testi ed altro li vedete troppo piccoli potete ingrandire tenendo premuto il tasto Ctrl e cliccando su + o -

 

Friuli zinco e piombo

 

 

pubblicazione di Miniere d'Oro(2003) web.tiscali.it/minieredoro(2004) www.minieredoro(2006 / 2023)

 

 

 

Estratto di un articolo scritto da Ettore Mo ed apparso sul Corriere della Sera in data 27 febbraio 1994

 
 

cave del predil un articolo pubblicatoCave del Predil (Udine) è un paese derelitto che non si è mai ripreso dalla mazzata che gli è stata inferta nel 1991, quando gli venne richiesto di chiudere la millenaria miniera di Raibl (zinco e piombo) che dava da mangiare a 138 minatori. Nel bar centrale, invece delle belle e tuttavia quasi sempre melanconiche canzoni friulane, s'intona il coro delle lagnanze e dei rimpianti: rimpianto per un paese che fino a pochi anni fa, come dice il minatore pensionato Ed Pohar, "era vivo e c'era il pane". <<Adesso - prosegue - non si ha più voglia di sorridere né di cantare. Siamo una comunità di disoccupati e i giovani vanno altrove a cercar lavoro. La miniera è inattiva, ma non è stata ancora chiusa definitivamente, perché pare non abbiano ancora trovato chi firmi l'autorizzazione per l'allagamento. Nelle sue viscere sono rimasti dai quattro ai cinque milioni di tonnellate di Zinco, ma adesso importiamo il materiale dal Sud America. Mi ricorda quando importavamo sangue dalla Germania, mentre il Friuli è ricco sia di sangue sia di zinco >>. 

Si deve alla miniera se col passar degli anni la piccola comunità friulana (600 abitanti circa) s'è arricchita di sangue "foresto": calabresi, pugliesi, veneti, sardi, sloveni. A ottocento metri di altitudine, Cave del Predil è incastrata in una valle molto stretta e un po' cupa, e a nessuno verrebbe in mente di sceglierlo come luogo di villeggiatura. Dicono che sia il paese più freddo d'Italia e il vento freddo che spiffera giù dal Monte Forno (proprio così) ti sega il volto come una lama di ghiaccio. Durante la nostra visita la temperatura è di sedici gradi sotto zero, così almeno assicurano i clienti dell'osteria: ma il record sarebbe stato raggiunto nel 1985, quando scese a 35 sotto zero, un freddo siberiano. Mussolini aveva definito Cave "l'estremo lembo della Patria". Il tono è pomposo, come sempre faceva il duce, che amava la frase aulica e rotonda: ma la definizione è pertinente, perché Cave del Predil sembra proprio collocata sull'orlo del mondo.

Tutti qui ricordano quelle "settimane di passione" del febbraio '91, quando 55 minatori si barricarono nel fondo della miniera di Raibl per protestare contro la decisione di chiuderla definitivamente entro la fine di giugno. Alcuni furono costretti a risalire in superficie per le gravi condizioni di salute provocate dal freddo, dall'umido e dalla fame: ma 32 rimasero nel pozzo per 17 giorni.  <<Eravamo a 540 metri di profondità - rievoca adesso uno di loro, avvampando lingua e gola con un bicchiere di acquavite locale - nel pozzo di Clara, una spelonca di un centinaio di metri quadrati, e la temperatura era di sette gradi, ma con una percentuale di umidità del 98 per cento, che ci inzuppava le coperte. Abbiamo preso tutti l'influenza: i più malconci, con problemi di pressione, diarrea e altro, venivano costretti dal medico a risalire...Purtroppo non è servito a nulla >>.  

<< Noi donne - dice la signora Rita Canuti - siamo state a nostra volta protagoniste della lotta contro la decisione di chiudere la miniera. Le autorità apparentemente ci lodavano per il nostro impegno in difesa della comunità: in realtà ci hanno preso in giro, avevano già tutto deciso e stabilito e le loro assicurazioni erano aria fritta. Anche la stampa in tutta la vicenda è stata condizionata >>.

C'era anche un motivo ideale a spiegare la tenacia con cui il paese ha combattuto la sua lotta fino in fondo, ed è l'orgoglio che Cave del Predil ha sempre nutrito per la sua miniera. L'estrazione dello zinco e del piombo dalle viscere del monte Re sarebbe cominciata addirittura in epoca preromana, ma dai mille e più minatori d'un tempo si è scesi a 138, ai quali veniva corrisposto un salario di un milione e duecentomila lire al mese, sufficiente, pare, a far sbarcare il lunario ad altrettante famiglie. Purtroppo i costi dell'estrazione non hanno mai consentito di far quadrare i bilanci, anzi il deficit ha raggiunto negli anni livelli siderali, per cui la Sim, del gruppo Eni e che gestiva questa miniera insieme ad altre tre in Sardegna, non ha avuto alternative alla chiusura. Però si è sbarazzata subdolamente del problema, ponendolo nelle mani dell'Ente locale, che ha dovuto fronteggiare l'ira della comunità friulana. << Vede - interviene uno dei tanti disoccupati, alzando gli occhi dalle carte, con un sorriso ironico - alla stazione di posta di Buchal si dice che nei registri vi sia la firma di Napoleone che sarebbe transitato nella zona in una delle sue campagne...ora, io non so se sia vero o una gran balla. Però sappiamo tutti che Cave del Predil non l'hanno distrutta le guerre, né quelle napoleoniche né quelle mondiali. La nostra piccola comunità è stata demolita in quei diciassette giorni del febbraio '91 >>. 

Cave era stato definito "un buco pieno di soldi" e qualcuno rievoca adesso, forse con l'aiuto della fantasia, i giorni felici quando c'erano feste, veglioni, colossali bevute di Tocai e di grappa nei due bar-osterie del paese, le sfilate folcloristiche dei bambini nei costumi locali, la banda, i cori...Ora il cinematografo non è più agibile, manca il riscaldamento, il campanile della vecchia e bella chiesa di Sant'Anna, in stile prussiano, sembra stia per cadere da un momento all'altro. Si minaccia la chiusura della scuola elementare e dell'asilo per mancanza di alunni,anche se fino all'inizio degli anni Ottanta c'era pure la scuola media.

Situazione totalmente diversa, invece, a Fusine, 325 abitanti, stessa valle, stesse montagne, stesso gelo siberiano: qui non si avverte la morsa stritolatrice della miseria, perché la grande acciaieria Weissenfelts lavora a pieno ritmo. È una delle ditte più longeve del mondo, è entrata in funzione dal 1462, trent'anni prima della scoperta dell'America. Ora produce catene per macchine e sforna ogni giorno 85 tonnellate di anelli di ferro, acciaio, ottone, rame antico. Ha fatto catene quanto basterebbe, secondo un calcolo preciso, per avvolgere (incatenare) sei volte la Terra. Dà lavoro a 530 persone, esporta i suoi prodotti in tutto il mondo, 70 miliardi (di lire) di fatturato. Questa è una miniera di denaro che non chiude, che non chiuderà mai. A un tiro di schioppo dall'Italia che non conta di Cave del Predil, eccoti un'Italia che conta, in Friuli e nel resto del mondo.

 

All contents copyright
© 2003--2023 VDA
All rights reserved.
No portion of this service may be reproduced in any form.

Posta in generale: ho sostituito la mia precedente pagina Facebook (si può ancora consultarla, ma non più scriverci) con una nuova in formato Gruppo, la cui iscrizione è assolutamente gratuita e dove potrete inserire domande o argomenti aggiungendo vostri "post", oppure rispondere e dialogare in quelli di altri già presenti. Posta particolare: per dialoghi privati (giornalisti, istituti ecc.) scrivetemi invece qui.

Indicazioni stradali con Google

Puoi collaborare inviando materiale generico o resoconti di esperienze personali: le schede riporteranno il tuo nome  (vedi qualche esempio).

Per la Rete. Oltre alle conseguenze nelle quali spesso s’incorre, tipo intervento da parte di terzi legittimamente interessati (un esempio), copiare o utilizzare contenuti d’altri siti porta quasi sempre a risultati screditanti per il proprio lavoro, soprattutto nel caso il materiale fosse tratto da web ben conosciuti e molto visitati i cui utenti, nel caso appunto ravvisassero (accidentalmente?) il contesto di cui sopra, considererebbero detta scopiazzatura come rivelatore della mancanza di buon gusto oltre che di idee nei confronti del gestore del sito in “odor” di plagio . In ogni caso si tratterebbe di un gesto che, al di la delle apparenze iniziali, non offrirebbe al proprio web alcuno sviluppo positivo per il semplice motivo che non è generato da un’azione costruttiva bensì passiva.  A mio modesto avviso, un sito per risultare interessante deve avere una propria personalità nella scelta dei contenuti e nel modo in cui questi vengono presentati: meglio ancora se caratterizzato da alcune informazioni non  facili da reperire. Altro che copiare da altri siti. Per il cartaceo. Talvolta vengo a sapere che qualcuno ha utilizzato paragrafi del sito nella stesura di qualche suo lavoro su cartaceo (libri ecc.): non mi riferisco certo ai seri scrittori e giornalisti che con una comune richiesta di autorizzazione via e-mail (la concedo sempre, salvo particolarismi) mi appagano anzi di soddisfazione per quanto concerne la mia attività in rete (e ciò mi basterebbe), ma piuttosto alle persone che pubblicano il contesto non solo senza chiedermene per semplice formalità il consenso, ma addirittura senza la buona educazione di citare, nel prodotto finito, il fatto di avere in qualche misura attinto anche dalle mie pagine. Non riporto per esteso le credenziali dei "maldestri autori" dei quali mi sono finora accorto perché ritengo che i loro nomi (e pubblicazioni annesse) non meritino qui di essere "pubblicizzati" in alcun modo, cioè esattamente al contrario e nel rispetto di come invece solitamente mi comporto con tutte le persone che mi contattano in simili circostanze e delle quali in seguito io segnalo appunto con piacere (è nell'interesse informativo del sito) la pubblicazione che li riguarda. Insomma, una questione d'impostazione e correttezza reciproca che tra l'altro può solo agevolare entrambi.